CISLAGO – Nella serata di martedì 16 dicembre 2014, alla Ex Villa Isacchi di Cislago, si è tenuta l’assemblea pubblica promossa dal comitato no varesina bis.

Come nelle precedenti iniziative promosse dal comitato, anche a Lonate Ceppino la partecipazione popolare è stata ottima: la sala del circolo era piena di persone che hanno partecipato attivamente alla discussione.
 
E’ stato affrontato il tema delle grandi opere in Lombardia, tema molto dibattuto sui mass media a causa delle numerose inchieste giudiziarie su di esse avviate; sono stati sottolineati gli intrecci fra concessioni autostradali, consigli di amministrazione, banche e politica. Si è parlato di Pedemontana e dei suoi effetti disastrosi sull’ambiente, sotto gli occhi di tutti per la parte già realizzata.
 
Si è analizzato il tortuoso percorso della Varesina bis con le sue numerose rotonde, sottolineando la sua inutilità in termini di risparmio di traffico e i suoi effetti distruttivi sulle ultime zone verdi rimaste nei nostri territori (in particolare sul Parco del Rugareto di Cislago e sul Parco dei Tre Castagni di Tradate): a questo proposito sono state proiettate delle bellissime foto ed un video/documentario girato nel Parco dei Tre Castagni. Ovviamente è continuata la raccolta di firme per fermare la Varesina bis.

19122014