Federico Russo forza nuovaSARONNO – Ieri al gazebo allestito in piazza San Francesco la Comunità militante del basso varesotto di Forza nuova ha sciolto la riserva ed ha annunciato la propria presenza alle prossime elezioni amministrative cittadine a sostegno della candidatura di Federico Russo.

“E’ una decisione che arriva come proseguo del lungo percorso che stiamo facendo a Saronno da oltre un anno – spiega il candidato sindaco – saremo presenti con il nostro simbolo ma apriremo la nostra lista, come avvenuto l’anno scorso per le amministrative a Rescaldina, ad alcuni esponenti di Fiamma Tricolore movimento con cui, a Saronno ed altrove, è attiva una produttiva collaborazione”.

Federico Russo, classe 1986 precario interinale frontaliere, è stato candidato consigliere comunale, sempre con Forza Nuova, l’anno scorso a Rescaldina: “Chi si presenta alle votazioni è l’intero gruppo di Forza nuova. Un gruppo che da tempo è presente in città che ha promosso iniziative e progetti con i cittadini per rispondere alle loro necessità. Io ci metto il nome ma sono solo il portavoce dell’impegno e del sacrificio di tutto il gruppo”.

E’ già ben definita la posizione che il gruppo intende tenere: “Saremo al di fuori di tutti gli schieramenti. Non ci saranno alleanze e nemmeno apparentamenti al ballottaggio. Non scenderemo a patti con la vecchia politica che ha dimostrato di non avere il coraggio e la determinazione per rispondere con forza e concretezza alle esigenze dei saronnesi”.

Il programma elettorale sarà presentato nelle prossime settimane ma alcuni punti sono già stati determinati:”L’attenzione e la tutela dei diritti degli italiani, la sicurezza, l’impegno nel sociale e contro la precarietà – conclude Russo – sono ovviamente le priorità ma abbiamo idee e progetti anche sulla riqualificazione delle aree dismesse e la tutela dell’ambiente”.

Nel primo gazebo elettorale sono state raccolte una sessantina di firme e sono stati distribuiti due cestoni di pane “fatto da italiani per gli italiani”

04012014

20 Commenti

  1. si riconoscono già dal simbolo : un portone fortificato , ti aspetteresti una corte ed un castello invece dietro non c’è nulla

  2. “viene scelto chi sa parlare più fluentemente” ok, magari uno che riesce ad esprimersi senza dondolare da un piede all’altro…

  3. Ahahahah grande anonimo…forse Silighini prenderà 4 voti (se riuscirà a candidarsi) comunque…che fiducia che mi ispira questo Russo che tra L altro lavorando per un agenzia interinale sfrutta i lavoratori…è un predestinato

  4. Fate pure i vostri tentativi, tanto poi al ballottaggio sempre con Silighini dovete allearvi.

  5. …al ballottaggio “dovete?” Anonimo le nostre volontà in merito sono gia’ state espresse in maniera chiara e la nostra autonomia e’ apprezzata e richiesta dai tanti saronnesi che stanno sostenendo il nostro progetto rivoluzionario per la Citta’
    Oltre a essere rivoluzionari nel campo della coerenza,lo siamo anche per quanto riguarda la responsabilità di firmare i nostri scritti, a nostro nome, non certo nascondendoci dietro a nomignoli o anonimato. Invitiamo i nostri impavidi oppositori a fare altrettanto

    • Buongiorno signor Russo, al di là della direzione politica del vostro partito, vorrei porle una questione di opportunità ed etica politica. Avete regalato pane e altro a titolo di solidarietà, come foste una qualsiasi associazione senza scopo di lucro; al di là dell’attitudine discriminatoria del gesto, che va contro i principi della costituzione (non che m’importi di difendere la costituzione, ma è all’interno del contesto democratico di cui la costituzione è direttrice, che vi candidate a elezioni amministrative), non trovate che, chiedendo poi voti durante la competizione elettorale, il vostro gesto di apparente solidarietà, possa venire interpretato come un’acquisto low cost di preferenze? Di esempi in Italia ne abbiamo molti, pasta e 80 euro in cambio di riconoscimenti alle urne, ecc. …

  6. …le elezioni si avvicinano e qui gente che ha prefissi telefonici sproloquia di ballottaggio. Mah….

  7. Anche Alba Dorata ha fatto 15 anni a “prefissi telefonici” ed ora a solo a sertir il suo nome vi nascondete…

  8. mah….infatti in Europa si preoccupano per la vittoria probabile di Tsipras.E non ci credo che superiate l’1% dei voti a Saronno. Segna pure questa previsione….

Comments are closed.