SARONNO – Pronto il “Patto del consigliere”: dovrà sottoscriverlo, annuncia il candidato sindaco di “Saronno 2015, Luciano Silighini Garagnani,”chiunque vorrà candidarsi nella mia lista o in qualunque lista di appoggio. Dovrà firmarlo come garanzia di serietà e di impegno politico per i cittadini di Saronno. Non vogliamo creare altri “scaldasedie” ma vogliamo persone serie che vedono la politica come missione sociale”.

luciano silighini garagnani

Nel patto l’impegno “a non svolgere per più di due mandati elettorali l’attività di consigliere comunale, 10 anni, perché alla politica serve novità e ricambio generazionale continuo”. Altro impegno quello di sostenere i dieci punti del “contratto con i saronnesi” che è alla base del programma elettorale della coalizione; e dunque di votare seguendo le indicazioni del movimento, ed in caso di controversie, a dimettersi.

A sostenere la candidatura di Silighini molte compagini: oltre a Saronno 2015-L’Italia che verrà ci sono anche Democrazia cristiana, Forza Saronno, Progresso sociale, Gente comune, Insieme per la città, Mps, Rinascita socialista, Pli, Cdl e Russia Unita.

07012015

5 Commenti

  1. Mitttticooooooo!!!
    Anche Russai Unita con Silighini, anche lui con l’amico Putin che e’ anche amico dell’amico Silvio…

  2. Ma lo sa il Silighini cos’è un mandato imperativo?
    Lo sa che è espressamente vietato sia dalla Costituzione Italiana che dall’Unità Europea?
    Lo sa che una lista potrebbe essere invalidata se risultasse che i suoi candidati hanno firmato un simile patto?
    Guardi almeno su Wikipedia, prima di sparare bischerate.
    E questo personaggio, che dimostra di mancare del minimo indispensabile di preparazione nel campo del Diritto, vorrebbe fare il sindaco! Poveri noi!

    • Possiamo evitare che questo “Pasquino” votante forza italia scriva cose inesatte che rasentanto essendo sbagliate la diffamazione? grazie Paolo

      • come è vero il detto: la verità offende! Poi, perchè dovrei essere un “votante forza italia”? A proposito, italia si scrive con la maiuscola “Italia”.
        Comunque legga bene anche lei, Paolo O (Olcese?) cos’è il mandato imperativo, poi scriva commenti

Comments are closed.