marco franchiGERENZANO – “Non è la prima volta che il consigliere di minoranza della Lega Borghi si lascia andare in sterili polemiche poco costruttive ma quella contro la sponsorizzazione delle aree verdi gerenzanesi mi sembra proprio “simpatica”. Praticamente è contrario a dar la possibilità alle attività locali a farsi pubblicità attraverso la cura di rotonde o aiuole, forse dimenticandosi che molti imprenditori sono sempre alla ricerca di modalità diverse per pubblicizzare le proprie aziende. Secondo la sua teoria, in un periodo di crisi più nessuno dovrebbe farsi pubblicità attraverso cartelli, pagine dei giornali, striscioni o altro. Spero proprio che sia espresso male”.

Questa la replica del consigliere comunale con delegato al Commercio, Marco Franchi di Forza Italia, alle esternazioni del consigliere leghista di opposizione, Cristiano Borghi.

Prosegue Franchi:”Per quanto riguarda invece l’eccessivo carico fiscale in cui si trovano le nostre aziende, ha espresso quanto avevo riportato nel mio articolo che doveva comparire nell’ultimo giornalino comunale e che invece purtroppo non ha trovato spazio. Colgo quindi l’occasione di riportarlo qui di seguito”.

Siamo arrivati alla conclusione del 2014, un altro anno particolarmente difficile per le attività commerciali, che sono sempre più in crisi e faticano a sopravvivere, tanto che, ormai, una su quattro vive meno di tre anni. Di questo passo perderemo la totalità’ delle imprese del commercio al dettaglio già nel corso dei prossimi 10 anni. È un’emergenza sociale, economica ed occupazionale insieme: se si considera che mediamente, ogni impresa occupa tre persone, rischiamo così di far crescere a dismisura la disoccupazione. Anche nel nostro piccolo, nel corso di quest’anno, abbiamo assistito a tante chiusure e a pochissime aperture. Non possiamo dimenticarci lo stop di due attività storiche gerenzanesi in piazza della Chiesa, dove a breve ce ne sarà un’altra, così da impoverire commercialmente il nostro centro cittadino. Il nostro Governo Renzi, se da un lato ci ha ingolosito con le famose 80 euro, che sono state un’ottima trovata elettorale, dall’altra ha aumentato in un modo più deciso le tasse che schiacciano le imprese e che ormai sono arrivate ad un livello tale che in molte attività si pareggiano con le entrate, mettendo seriamente in crisi la tenuta delle stesse. Sotto questo aspetto non possiamo dimenticare l’introduzione nel secondo semestre dello scorso anno della Tari, ovvero la nuova tassa dei rifiuti, con nuovi coefficienti decisi dal Governo, che ha visto in alcune categorie merceologiche raddoppiare la tassa rispetto allo scorso anno.

Stiamo comunque procedendo, visto che la pubblicità è l’anima del commercio, con la sponsorizzazione delle aree verdi del nostro paese. A breve sarà completamente rifatta la nuova rotonda sulla Varesina da parte di alcune attività presenti sul nostro territorio. E per chi fosse interessato sono ancora disponibili molte altre aree, anche all’interno del Parco degli aironi, dove è stata aperta una ricerca di sponsorship private per renderlo ancora più bello e fruibile.

13012015

1 commento

  1. Ma il sig. Franchi riesce a decifrare quando legge.
    La lega dice che sarà quasi impossibile per i commercianti poter sponsorizzare le aree verdi in quanto super tartassata.
    Poi ripeto, le tasse a Gerenzano sono state aumentate a livello locale.
    Quindi sig. Franchi lei che fa parte della maggioranza come può sostenere il contrario.
    Del resto come fidarci di una persona che vorrebbe fare politica ma che nel giro di pochi anni è passato dall’ulivo a forza italia.
    Perchè vista la sua totale incapacità nel fare politica , non si ritira e lascia spazio ad altri?

Comments are closed.