porro tricolore villa gianettiSARONNO – Come anticipato da ilSaronno nel periodo estivo e come fatto trapelare velatamente dal primo cittadino il sindaco Luciano Porro prima delle feste ha annunciato ufficialmente l’intenzione a non ricandidarsi per un secondo mandato.

“E’ una decisione che è preso già al momento della mia elezione per la seconda volta (la prima era rimasto in carica pochi giorni prima del commissariamento) perchè credo che la politica la si debba fare per servire la propria città non certo per attaccamento alla poltrona. Negli ultimi mesi ho avuto modo di parlane con la mia famiglia e con i miei compagni di partito e ho confermato di non voler fare il secondo mandato. Scelta condivisa con tutti come quella di accettare la candidatura arrivata nel 2008.

“Negli ultimi 5 anni ho svolto il mio incarico con impegno e con l’esperienza che mi arriva dall’aver fatto consigliere comunale dal 1980 mettendomi al servizio della mia città con la collaborazione dei miei assessori e dei funzionari. Mi auguro che il Pd e il centrosinistra riescano a trovare un candidato unitario che potrebbe essere ufficializzato già nelle prossime ore”.

Prima di lasciare però Luciano Porro ci tiene a una precisazione:”E’ una decisione mia personale. E’ una scelta solo mia. Non c’è stata nessuna pressione ne del Pd ne degli altri partiti di far fuori il sindaco. Anzi loro avrebbero voluto ricandidarmi. Per lo sarei stato il candidato sindaco anche per il prossimo mandato ma sono stato io a decidere di non farlo”.

13012015

 

21 Commenti

  1. Che perdita! Gli extracomunitari che spacciano e rapinano in stazione, i Telos, tutti i clandestini che bighellonano in centro ecc. saranno disperati per questa sua decisione. Facciamo in modo di eleggere un sindaco che renda Saronno di nuovo una città vivibile. Il nuovo sindaco avrà un ben duro lavoro dopo il disastro perpertato dalla attuale amministrazione, non lo invidio.

  2. Fatte le piste ciclabili e le aree pubbliche, speriamo che venga qualcuno a liberarle da ubriachi e nuillafacenti

  3. ne ha parlato solo in famiglia e nel partito ! – anche alla fine non ce l’ha fatta a parlare con gli altri cittadini e gli altri partiti saronnesi ! – conclusione prevedibile, ingloriosa ed ora gli resta un meritato oblio – e la giunta si ricandida ? – coraggio parlatene tutti in famiglia e nel partito e speriamo che la conclusione sia la stessa, un meritato oblio

  4. ieri Porro , oggi Napolitano … due belle notizie assieme. Cosa vuoi di più dalla vita!

  5. peccato che poi ci siano le elezioni dove i desideri di molti si infrangono miseramente, contano quelle e non certo i sondaggi de wordpress-426764-1358032.cloudwaysapps.com .Una cosa mi pare chiara, che neppure ilsaronno sa quali sono i candidati del cdx, e questo la dice lunga sull’armata brancaleone a destra

  6. Porro mi è sempre parso un po’ il contrario dei politici di professione: distaccato al limite dell’antipatia, perchè non sentiva il bisogno di piacere a tutti i costi, strattonato forse in alcuni casi dai partiti della sua maggioranza che avevano bisogno (loro sì) di mantenere consenso e base elettorale, fosse al centro (il PD) o a sinistra (SEL e dintorni). La scelta di non ricandidarsi è, appunto, da persona normale, che probabilmente non avendo ambizioni politiche ha vissuto male questi anni di servizio in anni di ristrettezze di bilancio e crisi economica e sociale galoppante.
    Per quanti auspicano il ritorno dello sgangherato centrodestra chiacchere e distintivo… sarà interessante vedere come saprà risolvere i problemi: vista la propaganda fatta in questi anni, mi aspetto che sappiano risolverli nel giro di poco tempo e non si limitino a gestirli.

  7. PS nel caso non si capisse bene: ovviamente lo considero una brava persona ben al di sopra di molti politicanti

    • Ha sempre dato l impressione di essere una brava persona, il problema è che ha confermato l impressione di essere un sindaco del tutto inadeguato!

  8. Massimo rispetto sul piano personale per l’amico Luciano. Non è facile per nessuno amministrare un comune di questi tempi. E di bocconi amari ne ha dovuti mandare giù in questi anni anche dai “suoi”. Detto questo per far ripartire una città ripiegata su se stessa ci vuole un forte segno di discontinuità negli uomini e nelle “geometrie” politiche.

  9. A Luciano bisognerebbe innazitutto dire grazie, per l’onestà e l’abnegazione con la quale si è speso. Merce comunque rara in politica. Semmai le critiche andavano fatte sulle singole vicende, e sono uno di quelli che le ha fatte, la persona va rispettata fino in fondo. Certi beceri commenti qualificano solo chi li fa e il degrado che può raggiungere certa politica.
    Per altro se si fosse ripresentato credo sarebbe ancora sindaco… Saronno è altro che cultura liberticida razzismo d’accato.

    • in questo post si commenta la notizia e la notizia riguarda il Sindaco, non la persona. La politica è fatta di confronto e secondo molti il “sindaco” ha fallito il suo mandato tutto qua, per colpa sua, della sua giunta o di chi vuoi… quando una nave affonda è sempre colpa del capitano.
      Di tutto ciò forse si è reso conto anche lui e se così fosse questa scelta fa onore alla persona.
      Sul fatto che ripresentandosi sarebbe ancora sindaco personalmente nutro seri dubbi.

Comments are closed.