SARONNO – Il Comitato monarchico di Stefano Durazzo appoggia Luciano Silighini Garagnani Lambertini come sindaco di Saronno. Il gruppo riunisce i monarchici delle regioni Liguria, Lombardia e Piemonte di tradizione filo-Aosta, ovvero che riconoscono nella disputa per il trono la linea del Duca Amedeo D’Aosta e non di Vittorio Emanuele.

silighinifoto

“Silighini Garagnani Lambertini, nobile principe pontificio, è uomo di tradizione cattolica, discendente di Papa Benedetto XIV, e racchiude in sè quei valori necessari per una politica fatta non di interesse ma di passione e voglia di fare – si legge in una nota dei monarchici – In questi anni a Saronno ha mostrato vicinanza ai cittadini sbrigando le faccende che sarebbero dovute essere di cura comunale, come il ripulire parchi, sistemare buche, togliere la neve, ma anche prestare soccorso ai cittadini in difficoltà con pacchi alimentari, vestiari e aiuto fiscale e lavorativo. Silighini è il volto della politica nuova, fatta di fatti e non di parole. Il nostro appoggio è incondizionato. Avremo alcuni monarchici presenti nella lista L’Italia che verrà”.

13012015

16 Commenti

  1. Ahahaha!!!
    Tutti lo scrivevano per scherzo… lui lo fa per davvero (lo fa??? Mah… sembra lo faccia… sembra!!)
    È anche produttore: che bel film avrebbe potuto realizzare negli anni 70: scuola di politica, attori Villaggio, Boldi e compagnia. Ovviamente inclusa qualche ‘sventola’.

    Ah ma aspetta: è praticamente quello che sta facendo!!!

  2. Siamo arrivati alla frutta, ora o si brinda o si vomita. Per fortuna tutti gli amici di Saronno che interrogo non conoscono Silighini, pertanto campagna sterile.

  3. come, se alcune testate giornalistiche lo venerano e pubblicano qualunque sciocchezza del personaggio, Si vede che la svalutazione non vale solo per la moneta ma anche per il giornalismo

  4. Ora manca solo il.partito dell uomo qualunque. Poi.ci sono davvero tutti! ah..no…manca il partito dell’amore..

  5. Ettore prima di vomitare brindavi. Poi non vieni calcolato da noi per le tue idee “particolari” e vomiti. Sei coerente come un cavatappi in una vite. Paolo Olcese

  6. RagazzI ma a che servono le coalizioni! Solo a prendere voti, poi una volta eletti nessuno riesce a comandare perché troppe teste non arrivano a ad una soluzione buona. Se Silighini vuole provare a vincere deve correre da solo. Così da esperienze passate, non si fa nulla di buono. Non mi fido di Queste coalizioni.

  7. Mario Processione Silighini avrà una sola lista di persone altamente fidate ed altri in supporto. Se volete incontrarci per parlare di progetti siamo disponibili

  8. Caro Paolo,
    ho dato una scorsa a questa lista di “persone altamente fidate” ed alle referenze che essi dichiarano pubblicamente a mezzo stampa e tramite portali internet.
    Alcune di queste “persone altamente fidate” le conosco personalmente da anni, di altri ho preso informazioni da database di pubblica fruizione.
    Prima dei progetti mi piacerebbe parlare delle persone che vorrebbero tenere tra le mani il timone della mia città…..e mi piacerebbe farlo pubblicamente e, come si sul dire, “carte alla mano”… non mi interessa sapere se una persona è uno scienziato oppure un semplice operaio, voglio solamente sapere se è chi dice di essere, voglio sapere se è “altamente fidato” !!!

  9. Caro Matteo anonimo,puoi tranquillamente contattarmi su facebook o a mezzo mail e le tue velate diffamazioni “carta alla mano” potrai utilizzarle per altro. Noi seguiamo solo persone valide e mi meraviglio che si dia spazio a affermazioni simili di un anonimo qualsiasi che fa intendere dubbia la moralità e serietà delle persone coinvolte nella lista. Vergogna

  10. Caro Paolo,
    da Treccani: “diffamare v. tr. [dal lat. diffamare, comp. di dis-1 e fama]. – Creare una cattiva reputazione, diffondendo, a voce o per iscritto, notizie disonorevoli, vere o false”; nell’ordinamento giuridico italiano, la diffamazione (art. 595, codice penale) è un delitto contro l’onore ed è definita come l’offesa all’altrui reputazione, comunicata a più persone con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di comunicazione. A differenza del delitto di ingiuria di cui all’art. 594 c.p., il delitto di diffamazione può essere consumato solo in assenza della persona offesa.
    Nessuno, qui, ha diffuso alcun genere di notizia; molto semplicemente un elettore, io, ha espresso la necessità di chiarimenti in merito ad affermazioni fatte da possibili destinatari del suo voto al fine che questo non vada perso o destinato a personaggi indegni; per questo oltre che essere un mio diritto è anche un dovere morale !
    Il mio sogno, in nome della trasparenza, sarebbe ricevere questi chiarimenti di persona e pubblicamente; cosa che purtroppo il web, essendo amministrato arbitrariamente da una parte o dall’altra, non può garantire.
    Le esperienze passate della politica italiana hanno dimostrano troppo spesso che in nome di privacy ed eccessivo garantismo vengono celati troppi scheletri negli armadi…e questo non voglio che possa accadere anche nella mia città !!
    Vergogna a te che sapendo quali dovrebbero essere i doveri di ogni candidato continui a trincerarti dietro parole come “anonimo”, “diffamazione”, “attacchi personali”; controbatti con i fatti e non cancellando parti di discussioni e minacciando querele !!!

    …peccato solo che il mio sia fiato sprecato…

  11. Io Non mi fido di uno che quando è in piazza ha alle spalle le forze dell’ordine, non mi fido e non ci raccontino balle il fine è il denaro non il bene comune.

Comments are closed.