Home ilSaronnese Donazione d’organi: primo incontro di sensibilizzazione

Donazione d’organi: primo incontro di sensibilizzazione

51
0

LOMAZZO – Sabato 17 gennaio si è tenuto a Lomazzo alla sala congressi dell’hotel Just “La vita come un dono”, il primo incontro di sensibilizzazione alla popolazione su un tema di grande attualità, la donazione di organi e tessuti. All’incontro promosso da Croce rossa italiana Comitato locale di Lomazzo hanno presenziato oltre 170 persone che hanno assistito alle relazioni di grandi esperti del mondo trapiantologico.

Tra i relatori hanno infatti partecipato Sergio Vesconi attuale coordinatore dei prelievi di organi e tessuti della Regione Lombardia; Giulio Carcano, direttore della chirurgia generale ad indirizzo trapiantologico di Varese; Mariangela Ferradini, coordinatrice dei prelievi di organi e tessuti della provincia comasca; Gabriele Soldini e Giuseppe Ietto, del centro trapianti di Varese e Laura Cancelliere con Fabio Volontè dell’ospedale maggiore della Carità di Novara. Al termine dell’incontro sono infine intervenuti Marcello Merlo e Enrico Dell’Acqua di Aido, che hanno portato la loro toccante esperienza da trapiantati. L’incontro, diretto e moderato da Gabriele Soldini e Fabio Volontè, è stato un successo ed ha ricevuto diverse attestazioni di plauso e di ringraziamento dalle autorità presenti. Si cita Maurizio Gussoni (presidente regionale Cri) e Alessandro Fermi (Regione Lombardia).

Nella provincia comasca sono infatti molto rari incontri di sensibilizzazione sulla donazione di organi e tessuti e mai si erano raggiunti tali numeri in termini di pubblico. Al termine delle loro esposizioni i gentili relatori si sono messi a disposizione ed i partecipanti hanno potuto porgere loro alcune domande dirette.
La giornata svoltasi in un clima si serenità e chiarezza è stata molto apprezzata dal pubblico presente che ha commentato in maniera estremamente positiva. Croce rossa italiana Lomazzo, da sempre molto attiva nell’ambito della prevenzione e dell’informazione verso l’utenza, auspica che giornate come questa si possano ripetere per costruire insieme un futuro basato sulla cultura della donazione, un gesto di grande solidarietà umana e sociale su cui si fonda inevitabilmente tutto il sistema trapianti.

20012015