porro qtSARONNO – Riceviamo e pubblichiamo integralmente la lettera firmata dal sindaco Luciano Porro e dall’assessore alla Sicurezza Giuseppe Nigro in risposta a quella aperta inviata da un residente della città degli amaretti per denunciare la preoccupazione dei saronnesi sul fronte della sicurezza.

Egregio Sig. ,

la sua lettera è per la mia Amministrazione motivo per affrontare nuovamente un tema che sta a cuore a tutta la comunità.

Lei muove pesanti accuse, come se il sottoscritto e l’Amministrazione tutta fosse ormai “assuefatta”, “inerte” di fronte al degrado sociale e alla microcriminalità.

Con molta pacatezza, ma pure con molta fermezza, ci permettiamo di dire che quanto lei afferma non corrisponde al vero.

Innanzitutto, non siamo “imbonitori”, ma amministratori sensibili ai problemi dei cittadini. Ci dedichiamo con passione e spirito di servizio, esponendoci in prima persona, talvolta anche a rischio della nostra incolumità fisica, alla gestione della città.

Non sfugge la problematicità della situazione a nessuno di noi. Conosciamo i luoghi della città, come la stazione FNM e le vie adiacenti, oggi, contraddistinti da presenze poco raccomandabili.

Abbiamo senza reticenze denunciato tale situazione al Prefetto e alle forze dell’ordine deputate e contemporaneamente provveduto con i mezzi di cui dispone l’Amministrazione a contrastare il fenomeno dello spaccio di stupefacenti e della microcriminalità. Siamo pure in attesa che il Ministro dell’Interno firmi il Patto per la sicurezza con la nostra amministrazione.

Ad oggi, abbiamo più volte riorganizzato i servizi della Polizia locale per potenziare la presenza nei luoghi a rischio. In questi ultimi mesi vi è una presenza pressoché costante degli agenti della PL nei luoghi negativamente noti che ha consentito di ridimensionare la presenza di una certa marginalità. Tutto ciò avviene con il coordinamento delle forze dell’ordine presenti sul territorio cittadino.

Ciò vuol dire che abbiamo risolto i problemi? Noi sappiano che non è così e non lo nascondiamo.

Per questo non abbassiamo la guardia.

Quanto lei afferma sui mancati controlli non può essere condiviso. E pur comprendendo la sua esasperazione appare ingeneroso verso l’Amministrazione quanto lei afferma. È sufficiente, infatti, che lei entri in uno dei negozi della zona della Stazione per avere il riscontro di quanto appena ricordato. Il centro cittadino non è quella terra di nessuno che lei descrive. Dalla Stazione si può raggiungere la via Roma attraversando Corso Italia sotto la vigilanza costante (24 ore su 24) di un circuito di videosorveglianza recentemente completato.

Non è intenzione dell’amministrazione polemizzare con i cittadini di cui comprendiamo il malessere, ma ribadiamo che non cerchiamo di trascurare nulla di quello che è possibile fare per contenere e ci auguriamo eliminare i problemi per garantire condizioni di sicurezza ai cittadini.

Siamo come lei cittadini di questa città che amiamo e viviamo a tutte le ore del giorno, non ci sentiamo di ricevere l’accusa di “ipocrisia” che lei ci vuole attribuire. Nessun membro di questa giunta si nasconde nel palazzo. Pertanto, se vorrà, potrà venire a trovarci tutte le volte che vuole. Se ha suggerimenti e proposte per fare meglio valutiamole insieme, cercheremo di portarle avanti.

E infine, oltre i fatti negativi cerchiamo di veicolare anche quelli positivi per cui si caratterizza la nostra città, come la sua intensa vita associativa, le numerose iniziative che la contraddistinguono.

Con l’occasione la salutiamo cordialmente.

20012015

17 Commenti

  1. Carissimi Porro e Nigro, propongo di farvi osservare la situazione sotto i portici in prossimità del Ponte della Vittoria all’inizio di Viale Rimembranze dalle 8 di sera TUTTE LE SERE per un mese di filato e vediamo cosa dite e fate. Potete fare anche un giretto passando davanti alla stazione, o sedervi ai bar dei cinesi. TUTTE LE SERE FINO A MEZZANOTTE almeno, e poi ne riparliamo.

  2. Uno non ci sarà più, speriamo che anche l’altro a maggio prenda la giacchina e saluti tutti. Vorrei sapere cosa ha fatto di buono coi suoi 28 assessorati.

  3. Gent.mo Sig. Sindaco,
    Nel ringraziarLa per la Sua gradita risposta, mi auguro che oltre alle apprezzate parole possano anche seguire fatti concreti.
    Sono sicuro che la situazione di Saronno se vuole non sarà drammatica come la percepisco, pur continuando a farlo, ma certamente non corrisponde neanche alla Vostra legittima valutazione. Spesso la verità sta nel mezzo, ma questo mezzo è meno mezzo del solito.
    Cordiali saluti
    Alessandro Colombo

  4. Sono un cittadino che abita di fronte alla stazione FNM, esasperato dalla microcriminalità che affligge la zona e la città ormai da anni. Le forze dell’ordine conoscono il mio numero di telefono in quanto sono spesso costretto a richiedere il loro intervento per reprimere le manifestazioni violente dei tanti balordi che animano la zona. Non posso che confermare che la situazione continui ad essere fuori controllo e pertanto chiedo cortesemente all’Amministrazione cittadina di non abbandonarci e di agire con maggior rigore. Cordiali saluti. Lorenzo

  5. io non riesco a capire una cosa. gli spacciatori che lavorano in zona stazione sono sempre gli stessi. spacciano, si ubriacano , danno fastidio e sporcano. inoltre essendo irregolari non hanno il permesso di soggiorno, Caro sindaco e caro assessore mi dite un solo motivo valido perché questi signori non vengono arrestati? Inoltre se si sposta presso la zona santuario potrá notare altre tipologie di soggetti. quello che spaccia , che urina a cielo aperto , che sporca e infastidisce. Anche per questi gradirei una risposta. perché sono trattati come persone perbene?. Sono convinto che se io facessi solo una cosa di queste che le ho elencate sarei arrestato immediatamente. .

  6. cito dal sito del comune : “Ciò che più colpisce in queste brevi considerazioni sulla popolazione saronnese è il numero di nostri concittadini iscritti nel registro dell’AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero).
    Sono quei cittadini che dichiarano spontaneamente di essere residenti all’estero per un periodo superiore ai 12 mesi. L’Anagrafe saronnese a fine 2014 registra 1310 saronnesi residenti all’estero. Sono per la gran parte giovani con titolo di studio superiore (diplomati e laureati), con competenze elevate che si recano all’estero per cercare migliori opportunità di lavoro, più certezze occupazionali e redditi migliori.
    Se ne va con loro la parte più dinamica della società, un pezzo di futuro.
    Dobbiamo, per il bene di Saronno, fare in modo che rientrino e trovino in città soddisfazione e remunerazioni adeguate alle loro aspirazioni. Altrimenti penseranno che non solo l’Italia, ma pure Saronno è matrigna nei loro confronti.
    Prof. Giuseppe Nigro- Assessore ai Servizi al cittadino ”

    Preoccuparsi di problemi che non si possono risolvere nelle vesti di Assessore, è un esercizio abbastanza inutile.
    Diversamente , creare un clima positivo in città è compito di una Amministrazione attenta e lungimirante.

    Personalmente ,cerco di andare meno possibile in Saronno : i comuni limitrofi offrono parcheggi, negozi, servizi ecc. paragonabili se non migliori .
    provare per credere

  7. Potere delle elezioni alle porte: fa vedere a Sindaco ed assessore cose che non esistono…
    Come mai solo ora, dopo mesi di lamentele si è deciso l utilizzo della PL come deterrente?
    Giusto ieri pomeriggio passando davanti la stazione ho notato i ns efficientissimi agenti posizionati in auto tra Cso Italia e via Bossi. Effettivamente intorno a loro non c erano più i volti tristemente ormai noti…già…peccato che se avessero fatto la bellezza di un centinaio di metri a piedi svoltando angolo avrebbero visto le attività di spaccio proseguire indisturbata…forse era troppo freddo per scendere dall auto???

  8. Rimango un pò sorpreso dal contenuto della lettera di risposta. Mi par di ricordare che fino a ieri i ns. Amministratori asserivano che non ci fosse alcun problema con l’ordine pubblico a Saronno mentre ora leggo tra le righe che è l’esatto contrario!!! Caro Sindaco, caro Assessore , la coerenza dovrebbe risiedere nelle vostre cariche Amministrative! I Saronnesi (quelli che veramente tengono alla loro città ) sono stanchi di questa situazione. Nessuno vi ha chiesto di sostituirvi nelle funzioni delle forze dell’Ordine (Carabinieri, Polizia , ecc. ) ma….. , ai più pare che il Vs. atteggiamento sia di impotenza e di assuefazione rispetto a quanto accade e questo non fà onore all’impegno che dichiarate di metterci. Da parte Vs. (intendo come Amministratori ) è possibile mettere in atto atteggiamenti/procedure non coercitive ma dissuasive nei confronti di chi delinque (o intende farlo) . Il lassismo e il continuo sbandierare il vessillo dell’integrazione non ha portato a risultati positivi. Ammettere e riconoscere di non aver ottenuto risultati con tale comportamento non è sintomo di debolezza ma, al contrario , dimostra intelligenza e capacità di critica. La difesa ad ogni costo del proprio operato molto spesso fà trasparire arroganza che non è gradita ai cittadini!!
    La stessa arroganza che , purtroppo, si ritrova negli atteggiamenti di tutti coloro che vedono Saronno come la miglior “piazza” della zona per porre in essere comportamenti delittuosi.

  9. Beh se ce un sistema di videosorveglianza H24 mi sento più sicuro, almeno se mi succede qlc mi riprendono….a proposito Potreste specificare chi è preposto alla sorveglianza dei monitor h24?….o delle registrazione dei nastri?

  10. Abito in via Bossi, mia suocera avantieri è stata scippata in via Padre Reina, è su una sedia a rotelle, conosco bene la situazione determinatasi in zona.
    E’ stato un cittadino che ringrazio pubblicamente che ha inseguito il disgraziato, un poveretto, riconsegnando la borsa alla proprietaria.
    Mi pare che se c’è una cosa che si sottovaluti non è il “controllo del territorio”, ho visto aumentare le pattuglie di polizia locale come la presenza dei CC ma il degrado sociale che sta colpendo la nostra comunità… La mancanza di lavoro la povertà portano con se maggiore emarginazione… Il deserto nel quale si trasforma Saronno dopo le 19,30 aumenta il senso di smarrimento di chi è emarginato e al contempo crea le condizioni per chi ricorre alla microdelinquenza, che sia spaccio o scippo, per vivere.
    Al controllo del territorio biosogna da subito affiancare la condivisione degli spazi cittadini e di una città per tutti.
    Sicurezza più partecipazione e più educazione… La sicurezza da sola non può vincere.
    E soprattutto basta con questa “sottocultura securitaria”… La sicurezza non è, non dovrebbe essere terreno di demagogia politica. Facciamo diventare la condivisione della città terreno di confronto e di proposta.

  11. Signor Sindaco,
    la lettera aperta inviatale non fa altro che interpretare il pensiero dei saronnesi. Lei sicuramente penserà: questo è solo uno su tanti… No, è uno per tutti.

    D’altronde il problema sicurezza è sempre stato l’ultimo dei suoi pensieri, a cominciare dal suo programma elettorale quando sfortunatamente per Saronno lei è stato eletto.

    Le mamme che frequentano la giostra ormai hanno imparato a riconoscere gli spacciatori e dove nascondono la loro merce. Gli stessi che urinano sulle fioriere in corso o nella galleria dove c’è l’oreficeria Brambilla. Ma lei cosa ne sa… D’altronde chi l’ha vai vista in giro per Saronno, con la voglia di parlare con i cittadini e comprendere i loro problemi, paure e difficoltà.
    Aprite gli occhi Signor Sindaco e assessore Nigro perché in corso non ci sono solo coppiette che si scambiano effusioni sulle panchine!
    Che le prossime elezioni facciano il loro corso.

  12. e quando la PL si piazza davanti alla stazione basta percorrere il sottopasso FNM e proseguire il malaffare dietro la stazione (via Luini e via Ferrari), dove lo schifo regna!
    Abito in queste vie da sempre e ho un figlio adolescente che non ha il coraggio di andare in centro a trovare gli amici per paura di percorrere il sottopasso dei binari da solo!!!
    In ogni caso, che sia davanti alla stazione o dietro, finiti i malaffari tutti sul viale santuario a ubriacarsi, urinare e defecare ai piedi della nostra gloriosa statua che se solo potesse lanciare qualche freccia da quell’arco!!!
    La cosa agghiacciante è che sono sempre le stesse facce, sicuramente tutte schedate e rischedate dalle FdO… ma ormai ci prendono in giro, zone off-limits in cui possono agire indisturbati e ti guardano strano se tu “saronnese” ti trovi li per sbaglio!
    Abbiamo perso ragazzi e i nostri amministratori, cercando di giustificare il loro operato, non fanno altro che certificare la resa incondizionata !!!!!
    … ci manca solo che alle prossime elezioni si candidi il loro imam, col rischio che le vinca.

  13. ma di che cosa stanno parlando questi due signori?!?
    sono veri? esistono o rispondono da Marte?
    mamma mia.

  14. Buongiorno sig. Sindaco,
    non posso che confermare quanto scritto dagli altri cittadini. Siamo tutti esasperati; ogni sera rientro da Milano verso le 19.30 e trovo balordi seduti sulle scale della stazione mezzi ubriachi o che comunque camminano nei sotteranei con aria furtiva. La polizia locale dovrebbe girare e fare controlli e non rimanere ferma alla fermata dei bus soprattutto dalle parti del parcheggio pubblico in via Ramazzotti.
    Sinceramente la situazione è peggiorata sempre di più.
    Cordiali Saluti.
    Ambrogio

  15. … Io penso che la colpa non sia solo del sindaco… Ma anche di chi amministra l’Italia (anche perché il nostro primo cittadino è uno di loro). Le leggi ci sono ma non si riescono ad applicare fino in fondo… Cominciamo a chiudere le frontiere e buttare fuori i delinquenti.. Forse qualcosa si risolverebbe…
    Per quanto riguarda la P.L…. Io penso che faccia già troppo anche perché quello che stanno facendo gli agenti dovrebbero farlo i carabinieri (mai presenti da nessuna parte). È bello additare persone che cercano di fare qualcosa per la popolazione e criticarle sempre… Ovviamente se stanno in una zona gli spacciatori vanno in un’altra… Quando gli agenti camminano verso l’altra parte i delinquenti si spostano… Ma non capite che fanno quello che vogliono e della polizia non gli frega niente? Spero che ve ne ricordate quando fra poco andremo a votare. Io personalmente con la mia attività non ho mai avuto nessun problema quando ho avuto l’altro sindaco

    • Che ci sia un problema nazionale è fuori dubbio, tuttavia abbiamo un problema locale: Sindaco e Amministrazione hanno sempre sottovalutato la situazione di Saronno affermando che fosse sotto controllo e concentrandosi su altri obiettivi.
      Come altri concittadini trovo assolutamente insufficiente la presenza di FdO (siano esse CC o PL) nelle zone critiche della città.
      E’ inaccettabile è che spacciatori e violenti possano operare indisturbati per Saronno e che l’Amministrazione consideri tale problema come secondario.
      Ovviamente alle prossime elezioni mi ricorderò certamente del comportamento del tutto deficitario di questa Amministrazione.

    • Concordo con quanto scritto da HST. A livello locale il problema è stato volontariamente trascurato altrimenti non si spiegherebbe il notevole sviluppo del problema rispetto alla situazione in essere con la precedente amministrazione. L’utilizzo della PL è cosa recente, guarda caso con l’approssimarsi delle prossime elezioni…

Comments are closed.