SARONNO – “Stare in mezzo alla gente, ascoltare le persone, portare nel partito le esigenze vere della provincia di Varese”: questi i compiti che la coordinatrice provinciale Lara Comi ha affidato ai nuovi portabandiera del territorio di Varese, scelti dal coordinamento provinciale. Per Saronno c’è il commissario locale del partito, Fabio Paticella.

fabio paticella

I portabandiera sono nati dall’intuizione del presidente Silvio Berlusconi per radicare ancora di più Forza Italia nel territorio, e rendere il partito una vera comunità di persone.”Ci vuole uno scatto nell’azione politica locale, non solo per le campagne di adesione, ma soprattutto per essere presenti, per conoscere, per essere vicini a chi ha bisogno. Il partito deve diventare una vera rete sociale, che si attiva come e dove serve”, conclude Comi. I nuovi portabandiera, in parte già coordinatori locali, sono per Samarate Luca macchi, per Saronno Fabio Paticella, per Somma Lombardo c’è Paolo Ciavarella, per Luino Piero Carletti, per Sesto Calende Luigi Murano, per Ispra Sara Merola, per Castronno Vincenzo Tavolaro, per Malnate l’incarico è stato affidato a Marco Damiani, per Solbiate Arno ad Alice Cattini, e per Inarzo a Piero Vanetti.

24012015

17 Commenti

  1. Le mie più sentite congratulazioni a Fabio che col suo impegno è stato capace di risollevare un partito dato per morto!
    Ulteriore dimostrazione che la politica non si fa con i proclami e i comunicati ma con la serietà e la determinazione.

    • RIF. https://ilsaronno.it/2015/01/23/elezioni-2015-silighini-perde-lappoggio-di-rinascita-socialista-e-patria-sociale/?replytocom=36018#respond

      4/01/2015 a 2:29 pm LUCA CABRINI scrive
      “Io la vedo così…. In ogni partito,lista civica e/o Movimento esistono delle gerarchie……non credere a chi ti dice che 1 vale 1………
      In questo caso specifico il leader di Saronno 2015 aveva qualche mese fa scelto alcuni cittadini e cittadine saronnesi affidando loro la guida di partiti e movimenti con voglia di farsi conoscere e rispettare.
      La ribellione alle idee del capo comporta la scissione……….
      E’ sempre stato così…….”””

      ANNOTO “ In questo caso specifico il leader di Saronno 2015 aveva qualche mese fa SCELTO alcuni cittadini e cittadine saronnesi AFFIDANDO LORO la guida di partiti e movimenti ( ???!! ) con VOGLIA DI FARSI CONOSCERE E RISPETTARE .

      NON SERVONO ULTERIORI COMMENTI…

  2. Il vero portabandiera è Silighini, ma Comi è autolesionista. Se ci sarà una batosta elettorale per FI a Saronno, speriamo che venga finalmente rimossa dall’incarico di coordinatore provinciale.

    • Anonimo (non poi tanto) .L’invidia è la religione dei mediocri. Li consola, risponde alle inquietudini che li divorano…fattene una ragione

    • Paolo O(?) hai solo messo in evidenza la tua ignoranza(non conoscenza) che racconta molto

    • Bravisssssimo Fabio : le miei più sentite congratulazioni per nomina a PORTABANDIERA Fi …

  3. Un coordinatore che ha passato in pochi mesi questi partiti: Unione italiana (coordinatore), Saronno al centro con Enzo Volonte (portavoce) , Lista Monti scelta civica (campagna europea x Marazzi) ora Forza Italia. Siamo sulla strada giusta con queste “nonine” signora Comi? Paolo

    • Ne sono davvero contento per Fabio; la decisione dell’On Comi è più che corretta rispettosa di quanto concordato in seduta provinciale e regionale essendo, la stessa, membro del comitato ristretto oltre che membro dell’ufficio di Presidenza Fi .

      Fabio, di nuovo congratulazioni .

    • Mister autocandidatura: solita tecnica ma..nessun risultato
      “Se il Pdl ha il coraggio io ci sono…Io mi sono proposto, … il Pdl accetti la MIA candidatura. Basta silenzi”..

    • Credo che Fabio non faccia parte di Unione Italiana da diversi anni, mi pare gennaio-febbraio 2012, dalle sue dimissioni da coordinatore.
      Non mi pare sia mai stato portavoce di Saronno al Centro ma abbia invece collaborato per il giornale che veniva distribuito.
      Non penso si sia adoperato per alcuno nella campagna elettorale per le europee.
      Probabilmente tra un mese saranno tutti a ringriaziarlo perchè con pazienza ha riunito le forze del centrodestra… quello vero, non le pagliacciate del

      • D’accordo con Anonimo; colgo l’occasione di congratularmi con Paticella .
        Se le persone-non cos’ anonime- che parlano male di lui sapessero quello che si dice di loro in giro parlerebbero peggio…”

Comments are closed.