SARONNO – Timbri sparsi sulla scrivania in attesa di essere riordinati e chiusi in uno scatolone, faldoni pronti ad essere caricati sui mezzi che li porteranno nella nuova sede di Gallarate, aule già deserte e uffici ormai quasi completamente svuotati. Le bandiere italiana ed europea scolorite e strappate all’ingresso. Sono alcune immagini catturate stamattina nella palazzina di via Varese che resteranno a far parte della storia cittadina perchè il 31 gennaio 2015 è stata l’ultima giornata della presenza di un presidio giudiziario a Saronno.

Inoltre nei progetti dell’Amministrazione c’è quello di trasformare “nel breve periodo” come rimarcato più volte dal sindaco Luciano Porro e dall’assessore alla Comunicazione Giuseppe Nigro l’edificio di proprietà comunale in una palazzo della sicurezza dove trovino sede la tenenza della Guardia di Finanza e il comando di polizia locale. E’ quindi facile immaginare che a breve verrà aperto il cantiere con gli operai che ridisegneranno completamente gli spazi interni così da renderli funzionali alle nuove destinazioni.