Capitano Giuseppe Regina maresciallo Nicola Muscettola carabinieri saronnoSARONNO – Scippa due donne non esitando a prenderle a pugni e a ferirle con una torcia e a meno di 24 ore dall’ultimo episodio viene fermato dai carabinieri e trasferito al carcere di Busto Arsizio.

Protagonista di questa vicenda un tunisino 34enne tossicodipendente e noto alle forze dell’ordine. Tutto è iniziato sabato quando ha preso di mira una lazzatese di 39 anni appena uscita da una pizzeria con due amiche. Era mezzanotte e le tre donne stavano camminando lungo via Monte Santo. L’uomo, a piedi, si è avvicinato furtivamente ed ha tentato di strappare la borsa alla sua vittima. La donna ha opposto resistenza e così sono iniziate le minacce e gli strattoni. Visto che la 39enne continuava a trattenere la cinghia l’uomo ha preso la torcia che aveva in tasca e l’ha colpita alla testa. Sanguinante la lazzatese ha mollato la presa e l’aggressore è scappato via.

Ai carabinieri arrivati sul posto le due amiche hanno formato una dettagliata descrizione dell’aggressore mentre la vittima decisamente provata è stata accompagnata al pronto soccorso dove le è stata medicata la ferita giudicata guaribile in 9 giorni.

Domenica alle 16,30  un secondo scippo con aggressione questa volta nel sottopassaggio della stazione: ad essere presa di mira una romena di 60 anni. La donna scesa da un treno della linea S9 al nuovo binario tronco ha chiesto al capotreno dove dovesse andare per prendere il convoglio per Busto Arsizio. Lo straniero l’ha sentito e l’ha seguita nel sottopassaggio e qui le ha strappato la borsa colpendola con tre pugni. La donna soccorsa dal personale ferroviario è stata accompagnata al pronto soccorso da dove è stata dimessa con una prognosi di 6 giorni.

I carabinieri hanno subito recuperato le immagini della videosorveglianza dello scippo da cui hanno recuperato anche un fotogramma in cui si vedeva nitidamente il volto e l’abbigliamento dello straniero. Lunedì mattina la pattuglia del Nucleo operativo e radiomobile ha notato, durante un servizio in stazione, lo straniero che per altro era ancora vestito come al momento dei due colpi. Indossava lo stesso cappellino con la bandiera americana e le scarpe da ginnastica nere con la scuola bianca. Quando i carabinieri l’hanno fermato non ha opposto resistenza e li ha seguiti in caserma. Qui inizialmente ha cercato di negare ogni addebito ma poi ha capitolato vedendo le immagini della videosorveglienza del secondo scippo. E’ stato riconoscuto anche dalle amiche della vittima del primo episodio.

L’accusa a suo carico, al momento si trova al carcere di Busto Arsizio, è di rapina aggravata e continuata. Misero il suo bottino: 50 euro nella prima borsa e 10 nella seconda.

Le indagini continuano per cercare di capire se l’uomo sia colpevole di altri episodi da qui l’appello ad eventuali vittime di mettersi in contattato con le forze dell’ordine.

03022015

23 Commenti

  1. Bastaaaaaaaaaaa! Maledetti borseggiatori, ora non oppongono più resistenza, tanto domani sarà libero di nuovo, una VERGOGNA!

    • Ma no cosa dici mai?? Viva l integrazione anche dei nullafacenti e delinquenti…i commenti degli idioti (fuori i saronnesi da Saronno) a questa notizia non ci sono??

  2. Sono pendolare delle Trenord e posso solo raccontare cosa avviene in stazione, sia di giorno che di sera, senza che nessuna forza dell’ordine intervenga….e la denuncia si può fare solo in determinate ore della giornata….

  3. Animale! Spero che la prossima volta scipperai un karateca! Solo a suon di sberle meriteresti di essere educato!

  4. E’ uno schifo……quando si comincia con la repressione anziché con la politica della tolleranza?!?!?! NON SE NE PUO’ PIU’!!!

  5. Voglio proprio vedere se la prossima volta che andrete al voto, voterete ancora partiti che permettano l’ingresso di simile immigrazione. Basta, non se ne può più veramente di sta gentaglia. Cioè, va bene tutto, ma quando è troppo, è troppo. SVEGLIATEVI.

    • Veramente sono tutti i partiti indistinti che hanno fatto leggi per ridurre le pene e permettere anche questo, quindi direi di non fare della propaganda spicciola. Nessuno vuole i delinquenti, ma serve sicuramente avere leggi meno garantiste e più forze dell’ordine. Invece tutte le forze politiche, negli anni hanno intrapreso, anche per motivi personali, la strada esattamente opposta. Cominciano a vedersi gli effetti, ma in realtà la colpa è piuttosto generale.

      • Veramente ci sarebbero dei partiti che vogliono mettere un freno all’immigrazione clandestina e indiscriminata, e dei partiti che invece sono contrari a tutto questo, anzi organizzano contromanifestazioni contro quegli altri dando loro dei razzisti 🙂

  6. L’informazione data, relativa alla prima aggrassione di sabato sera, è molto carente. Conosco la situazione poichè la persona è impiegata del nostro studio. Ha riportato LESIONI GRAVI: frattura del setto nasale, tagli profondi sul viso (hanno dovuto mettere punti non riassorbibili per cui resteranno cicatrici sul viso) oltre a echimosi sul resto del volto e su tutto il corpo. Vi è un solo commento: aspettiamo ad esprimerlo quando, fra poche ore, questo galantuomo sarà rimesso in circolazione.

    • Fortunatamente non sarà rimesso presto in circolazione vista la natura dei crimini per cui è imputato e speriamo presto di avere modifiche alla legislazione attuale per avere garantismo zero per chi compie reati e massima tutela e rispetto per le vittime. Auguri di pronta guarigione alla persona che ha subito questa brutale aggressione.

  7. L’informazione data, relativa alla prima aggressione di sabato sera, è molto carente. Conosco la situazione poichè la persona è impiegata come dipendente nel nostro studio. Ha riportato LESIONI GRAVI: frattura del setto nasale, tagli profondi sul viso (hanno dovuto mettere punti non riassorbibili per cui resteranno indelebili cicatrici sul viso) oltre a echimosi sul resto del volto e su tutto il corpo. Vi è un solo commento: aspettiamo ad esprimerlo quando, fra poche ore, questo galantuomo sarà rimesso in circolazione

  8. A quando l’Amministrazione e /o forze politiche si daranno da fare a riprendere in considerazione la costruzione della nuova caserma dei Carabinieri. se ricordo bene il terreno è’ già’ stato acquistato dall’ex Amministrazione. Credo sia un buon investimento in sicurezza,(il progetto prevedeva una palazzina alloggi, consentendo un eventuale aumento del personale in servizio). Credo che la sicurezza sia un’esigenza fondamentale,tra le più’ importanti per Saronno.speriamo…

  9. corsie preferenziali negli ospedali, furti nei supermercati, alloggi popolari, spaccio, scippi…..e chi più ne ha più ne metta. questa qualcuno la chiama INTEGRAZIONE. Io la chiamo INVASIONE e la cosa buffa è che nessuno si oppone..anzi! Venite che c’è posto per tutti….e intanto qui il barcone Italia sta andando alla deriva. Sono perfino stufo di commentare sti post…..prendo solo tanta rabbia.

  10. Non ci sono parole, questo paese è allo sfascio. I criminali sono tutelati e coccolati e noi Italiani possiamo solo pagare per dargli l’assistenza ed il sussidio.
    Perchè per gli stranieri non si applicano le leggi del paese di origine?
    L’Italia per loro è il bengodi, rubi, ammazzi e ti danno la cittadinanza onoraria!
    Che paese di m..!

  11. L’ Eurabia e’ alle porte…la Fallaci ci aveva avvisato…ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.e allora andiamo avanti così con il finto buonismo e la tolleranza verso le più turpi azioni…Ricordiamoci , però , di quello che i nostri figli dovranno affrontare!

Comments are closed.