tu@saronno logoSARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota inviata da [email protected] sull’elezione del nuovo presidente della Repubblica.
 Fin dai suoi primi vagiti, sei anni fa, [email protected] ha sempre dichiarato di avere come unico punto di riferimento ideologico e politico la Costituzione. Non può quindi che farci piacere la nomina di Sergio Mattarella, giudice costituzionale, a dodicesimo presidente della Repubblica Italiana. Il suo passato, le sue competenze e il suo profilo sono garanzia del fatto che rivestirà il suo ruolo in maniera imparziale e priva di condizionamenti, come ha dimostrato nel 1990 dimettendosi dal ruolo di ministro per non sostenere la legge Mammì, da lui definita “inaccettabile” non solo nel merito ma anche nel metodo: quello della fiducia, strumento abusato anche dal governo Renzi, insieme al decreto, e lontano dalle corrette logiche del dibattito parlamentare.
Nel corso della elezione di Mattarella si è visto un PD nuovo, inedito, lontano dalle fratture del 2013 e capace di proporre fin da subito un candidato in grado di compattare il centrosinistra e di trovare consenso trasversale basato su competenza, onestà, disponibilità. Caratteristiche importanti, che speriamo possano rivedersi anche nel delicato percorso che attende la nostra Saronno nei prossimi mesi.
03022015

10 Commenti

  1. Nel 90 Mattarella si dimise per ordine di De Mita per una lotta di potere all’interno della DC e tra De Mita e Craxi. Basta mistificare, svegliatevi un attimo.

  2. Caro DC, nel 90, ritenendo inaccettabile la legge Mammì, si dimise, tra gli altri, anche Mino Martinazzoli. Che Martinazzoli obbedisse agli ordini di De Mita, può pensarlo solamente chi, della storia della DC, non sa assolutamente nulla. Studia!

  3. Mattarella cosa c’entra con Saronno ??
    E’ un magistrato , sappiamo bene quanti lati negativi hanno i magistrati in Italia , dalle lungaggini vergognose dei processi , dalle sentenze sconcertanti come quelle dell’amianto di Broni , dalle facili scarcerazioni dei delinquenti . In europa non è vista molto bene l’operato della magistratura ed è uno degli ostacoli agli invetimenti stranieri per l’Italia

    • mattarella magistrato?
      vai a studiare per non dire a fare altro…
      lo sai cosa vuol dire essere un magistrato?
      e comunque tutto il pensiero è da berlusca lobotomizzato

  4. No ti prego, Dio salva Saranno dal PD, bastano e avanzano i danni di Porro. Saronno è un disastro sotto tutti i punti di vista. È diventata una vera schifezza e bisognia trovare la forza e il coraggio d’invertire drasticamente la marcia, perché peggio di cosi, non voglio nemmeno immaginarlo. BASTA, SVEGLIATEVI.

  5. Quasi sempre i commenti sono molto peggio degli articoli:
    – Mattarella c’entra con Saronno perchè è stato eletto presidente di questa Repubblica italiana, Saronno è in Italia… Lapalissiano.
    – Mattarella non è un magistrato, ammettendo che le difficoltà della giustizia siano da attribuire tutte ai magistrati, E’ un costituzionalista e membro “laico” del CSM, cosa diversa.
    – Che [email protected] sostenga le occupazioni abusive è la prima volta che lo leggo, ma si sa: meglio calunniare che discutere.
    – Forse tutti questi noti polemisti non si sono resi conto che in cinque anni sono stati sottratti all’ Amministrazione comunale circa 6milioni e mezzo di euro, dallo stato; che non ci sono stati particolari introiti da oneri di urbanizzazione; che sono stati ripianati i buchi lasciati dalle amministrazioni di centro destra; che c’è stata la peggiore crisi economica dal ’29, con disoccupazione, chiusura delle attività commerciali e produttive…
    E nonostante questo si è mantenuta quasi inalterato il servizio alle fasce più deboli della popolazione e i servizi primari, ad esempio procedendo ad una manutenzione dell’edilizia scolastica che da anni non veniva fatta.
    Certo molto del programma non è stato realizzato ma oggi la priorità è affrontare la crisi.
    Lasciando DIO, per chi ci crede, a compiti più alti (evitando quindi anche di sentirsi nuovi crociati, che già gli originali fecero enormi danni nella storia) speriamo che sia di nuovo una giunta democrtatica, non xenofoba, non di palazzinari, rispettosa dell’uomo e dell’ambiente, a governarci per i prossimi anni, casomai più capace e creativa nell’affrontare momenti difficili, che sappia liberarsi dai giochi della vecchia politica…. Ma fatta di persone perbene come Luciano Porro e i suoi assessori.

  6. ora il PD è come lo vuole Tua Saronno ma il PD vuole prendersi la scheggia di Tua Saronno ? – le minoranze non sono molto gradite nel PD, o no ? – le persone per bene della Premiata ( 30 km / h ) Giunta Porro non necessariamente sono quelle che sanno amministrare bene la città di Saronno e lo dimostrano i fatti da quattro anni ad oggi – non sta a Tua Saronno sentenziare le persone perbene perché la stessa cosa potrebbe farsi con le persone di Tua Saronno

Comments are closed.