SARONNO – Un po’ ladri ed un po’ vandali, nel mirino dei malviventi sono finite le auto parcheggiate attorno alla stazione di “Saronno sud” di Trenord: negli ultimi giorni ad almeno quattro vetture sono stati rotti i vetri per rubare monetine e cd musicali dagli abitacoli. Ai proprietari, tutti pendolari che lavorano nel Milanese, al ritorno a Saronno ed alla scoperta dell’accaduto non è rimasto altro che rassegnarsi.

saronno sud esterno neve

Non è la prima volta che succedono fatti di questo genere nell’area dello scalo ferroviario che si trova alle porte della frazione saronnese di Cascina Colombara; zona trafficata negli orari di punta ma che nel resto della giornata rimane praticamente deserta e dove i malviventi possono quindi agire praticamente indisturbati. Molti utenti di Trenord, che utilizzano lo scalo, hanno già chiesto un passato un rafforzamento delle misure di sicurezza, magari con l’utilizzo di guardie giurate da collocare nell’ampio posteggio che si trova proprio accanto alla stazione.

(foto archivio)

04022015

4 Commenti

  1. le guardie giurate servono a poco. O si presenzia h24 o non servono a nulla. Come non serve a nulla la richiesta generica di vigilanza. La pattuglia passerebbe, staziona un po’ e se ne va. Sarebbe molto più utile implementare la videosorveglianza anche verificando il regolare funzionamento di tutte le telecamere già installate. La stazione non è deserta di giorno. Le rotture ai vetri delle auto si sono compiute sia al calar del sole che in pieno giorno. Anche il bar della stazione ha avuto furti e tentativi successivi di furto. Con una videosorveglianza a 360° voglio vedere quale ladro infrangerebbe un vetro di una vettura sapendo di essere ripreso.

  2. avrei qualche dubbio che le telecamere siano sufficienti, basta un passamontagna e la cosa si complica: per Saronno Sud, abbandonata nel deserto probabilmente l’unico sistema sarebbe il parcheggio chiuso e a pagamento sempre sorvegliato. Basterebbe andare a vedere quanti furti/vandalismi avvengono nel silos di Via Milano.

  3. Ancora di meno servono guardie giurate che se ne stanno a leggere il giornale nelle ex biglietterie (Questo succede a Quarto Oggiaro)

Comments are closed.