licata porro copiaSARONNO – “Sono in consiglio comunale dal 1980 ho la barba e i capelli bianchi e quindi un po’ di esperienza ce l’ho. Ho auspicato che il candidato del Pd fosse deciso prima dell’estate purtroppo le difficoltà di questo periodo hanno fatto arrivare la scelta un po’ lunga ma non ci sono litigi o lotte intestine solo la volontà di scegliere il candidato migliore per la città”.

Così il sindaco Luciano Porro durante il questione time ha affrontato il tema del suo successore: “Il Pd ha scelto Francesco Licata il nostro segretario, una scelta arrivata dopo un percorso condiviso e che ha messo tutti d’accordo. C’erano tante personalità che sarebbero state adatte per caratura e competenze a ricoprire il ruolo e di candidato.
La scelta ha dovuto anche tenere conto delle esigenze personali”.

Porro è molto chiaro:”Licata non è un ripiego: è una persona giovane che ha buone idee e spirito democratico. Abbiamo proposto il suo nome alla coalizione e ora la stiamo valutando. C’è stata la richiesta di fare le primarie. Credo sarebbero notizie come percorso democratico ma i tempi sono davvero stretti”.

E in conclusione rimarca: “Non so chi continui a dire che c’è la possibilità di una mia ricandidatura. E’ una cosa che escludo con forza e definitivamente”.

17022015

15 Commenti

  1. Beh, se si tratta veramente, come sostiene Porro, di disponibilità personali, la vicesindaco Valioni è in pensione. Pertanto, chi meglio di lei avrebbe potuto fare il sindaco a tempo pieno e pure con abnegazione? La Valioni, però, non frequenta nessuna Parrocchia della città. Che sia questo il discrimine? Forse che Licata è praticante? Mah! Porro dice di essere in Consiglio comunale dal 1980, quindi in quota Dc. Forse ha sempre fatto solo il consigliere comunale di maggioranza, il consigliere semplice, diciamo, senza ruoli amministrativo-gestionali. Ma di fatto, ciò che manca di più in questi cattolici, è la carica umana. Bravissimi ad organizzare “Nessuno è straniero”, salvo poi trattare da straniero l’italiano seduto accanto.

  2. Infine, perché non candidano PEPPINO TITONE, il direttore responsabile del giornale del circolo? Sarà di Saronno? Titone è un cognome diffuso a Mazara del Vallo, ma spero non abiti così distante! Leggevo sull’ultimo numero il contributo della coppia (anche nella vita) Leotta-Cataneo sulla necessità delle riforme (istituzionali? economiche?) per il nostro Paese. Mi paiono pensieri molto funamboli, tipici un po’ dei renziani della seconda ora. Ad ogni buon conto, pigliamo in mano il megafono e a mo’ di Totò diffondiamo VOTA PEPPINO VOTA PEPPINO VOTA PEPPINO.

  3. “…. è una persona giovane che ha buone idee e spirito democratico….” hanno scelto il candidato sindaco perchè ha buone idee!??!?!?!?! Ma esperienza? Capacità? …. sono superflue!!

  4. Spett.le Redazione, non pubblicate il mio commento postato ormai un quarto d’ora fa? Preferite i commenti sgrammaticati e visibilmente anonimi? Io, almeno, mi firmo con il mio nome di battesimo! Nel mio commento mi chiedevo come mai il PD non candidasse Peppino Titone, il direttore responsabile del giornale del circolo, salvo che egli non viva a Mazara del Vallo (Titone è un cognome di lì). E mi esprimevo negativamente sull’articolo Leotta-Cataneo pubblicato sul giornale del circolo, Perché operate la censura dei commenti sensati e pubblicate la fuffa?

    • Nessuna censura come può vedere da sola! Semplicemente non sempre la moderazione avviene in tempo reale! Saluti Sara Giudici

  5. La ringrazio, Sara Giudici, per la trasparenza. Mi era già accaduto una volta che un mio commento contenente dei nomi venisse dribblato (voce del verbo “non pubblicare”). Sarebbe un vero peccato. Di nuovo grazie, buon lavoro.

  6. ma non ci sono litigi o lotte intestine – una scelta arrivata dopo un percorso condiviso – Licata non è un ripiego – una persona giovane che ha buone idee e spirito democratico – Porro cerca così di smentire ciò che è evidente e sotto gli occhi di tutti, il solito principio PD della disinformazione – ma una buona notizia alla fine c’è : … la possibilità di una mia ricandidatura. E’ una cosa che escludo con forza e definitivamente

  7. Evviva il Carnevale! C’era chi sosteneva che a Venezia le maschere si indossano solo a Carnevale, mentre nel resto del mondo e nella povera Saronno è Carnevale tutto l’anno. Il PD candida un giovane senza esperienza. Scelta carnascialesca. Il centro destra bastonacandidati leghisti, anche se con esperienza alle spalle e preferisce l’inverecondo riproporre come nuovo il vecchio che non ha smesso un giorno di attaccare la Lega… bisognerà avere una bella faccia di tolla a candidarsi con chi continua da anni ad attaccare senza soluzioni di continuità. Carnascialesca scelta civica dell’onorevole leghista che novello Brighella cala le braghe troppo facilmente e consegna tosto tutto il saronnese al bastone imperituro del Pulcinella unionista. Applaudiamo cotanta commedia dell’arte della lungimirante scelta civica sventolando fieri bandierine multicolori e lanciando coriandoli a festa! W Re Amaretto!

  8. “Non so chi continui a dire che c’è la possibilità di una mia ricandidatura…”

    Infatti, vorremmo saperlo anche noi: sarebbe piuttosto allarmante!

  9. Se è il candidato del PD che il PD vada da solo…
    Vuole andare da solo ? Ccosì potra fare accortdi con Volontè e CL come e quando vuole? Lo dica .. Le forze realmente democratiche di sinistrache ritengono incociliabile la propria idea di città con quella dei palazzinari faranno altro.

  10. Il PD non vuole le primarie, perchè con le primarie ci sarebbe una coalizione, ci sarebbe una scelta democratica del futuro candidato sindaco… Il PD vuole degli utili “accondiscendenti” intorno e le mani libere per fare gli accordi che vuole con Volontè &C…
    Riusciranno a farci rimpiangere perfino Porro.

Comments are closed.