SARONNO – Giuseppe Battiston calcherà per la prima volta il palco saronnese con uno spettacolo di Paul Auster, scrittore contemporaneo americano tra i più affermati a livello mondiale. Le musiche sono state composte da Stefano Bollani.

L’appuntamento, al teatro civico “Giuditta Pasta” di via I maggio, è previsto domenica 22 febbraio alle 21 con “L’invenzione della solitudine”, di Paul Auster, musiche di Stefano Bollani, regia Giorgio Gallione in una produzione Teatro dell’Archivolto e Teatro Stabile di Genova.

Qualche settimana dopo l’inattesa morte del padre, Auster si ritrova nella grande casa di un genitore quasi estraneo, che ha abbandonato da anni la famiglia per ritirarsi in una solitudine caparbiamente distaccata dal mondo e dagli affetti. Così, riscoprendo un padre semisconosciuto e assente attraverso tracce labili, oggetti e carte, il protagonista riscopre i frammenti di una esistenza estranea, che è in parte anche la propria, ripercorrendo la vita di un uomo che si è nascosto dal mondo. Una ricerca del padre scomparso che lo costringe a fare i conti con una perdita, una mancanza che lo strazia come persona e come figlio. Ma “la musica del caso” vuole che lo stesso Auster, proprio in quei giorni, stia per abbandonare la moglie e, ineluttabilmente, anche l’amatissimo figlio. In un mosaico di immagini, riflessioni, coincidenze e associazioni, il destino costringe così Auster a riflettere sulla difficoltà di essere insieme padre e figlio e su come il caso impercettibilmente governi le nostre vite.

Prezzi – intero 20 euro, ridotto (over 65 e gruppi organizzati) 15 euro, ridotto under 30 15 euro, ridotto under 20 12 euro.

18022015