luca saibeneUBOLDO – “Nei giorni scorsi il sindaco, gli assessori e tutti i consiglieri comunali di Uboldo sono stati destinatari di una comunicazione inviata loro dal Comitato “No Varesina bis” con la quale si rappresentavano i timori e le considerazioni del Comitato per le conseguenze e l’utilità della realizzazione di tale opera compresa nel progetto della cosiddetta “Pedemontana” che interesserà anche il nostro territorio. Pur dovendo rilevare che la missiva in questione non riporta alcun nominativo di una persona fisica quale referente del Comitato, che avremmo sicuramente contattato, Progetto Per Uboldo-Centrosinistra Unito, per prima cosa intende scusarsi con i componenti del Comitato per le parole, i toni e le modalità con le quali si è posto pubblicamente nei loro confronti il sindaco di Uboldo, Lorenzo Guzzetti. Gentili amici del Comitato, vi assicuriamo che la maggioranza degli uboldesi non è come il sindaco Guzzetti è ciò è dimostrato dal fatto che la maggioranza degli elettori non lo ha votato”.

Lo si legge in una nota del gruppo uboldese di centrosinistra rappresentato in consiglio comunale da Luca Saibene.

Venendo al contenuto della missiva inviata anche al nostro gruppo politico, per il tramite del nostro consigliere comunale, per prima cosa dobbiamo evidenziare che, trattandosi di un progetto, quello della “Varesina bis”, ormai definito nel suo iter amministrativo, non abbiamo ritenuto, sino all’arrivo della vostra comunicazione, di affrontare l’argomento. Motivo per il quale il nostro gruppo politico non ha una posizione ufficiale sull’opera in questione in quanto al nostro interno vi sono posizioni, di tipo personale, differenti. Di una cosa siamo però certi: divergiamo nettamente dalle considerazioni a voi rivolte dal sindaco Guzzetti. Di certo la “Varesina bis” non servirà a togliere il traffico da via Iv Nnvembre di Uboldo poiché l’unica soluzione veramente utile è quella di realizzare la variante, cosiddetto “peduncolo”, che dal punto in cui arriverà ad Uboldo la “Varesina bis” devii il traffico attuale della 527, nonché il nuovo traffico che arriverà con la “Varesina bis” e che oggi non passa per Uboldo, verso il nuovo svincolo autostradale e da lì verso la Saronno-Monza. Su questo punto l’unico in ritardo di qualche anno è il sindaco Guzzetti che tanto si era vantato di aver ottenuto insieme allo svincolo autostradale la contestuale realizzazione del “peduncolo”.

Tornando all’opera in questione siamo, ovviamente, consci che l’intervento andrà a modificare in maniera irreversibile lo stato attuale, ancora naturale, dei luoghi ma sappiamo, altresì, che al momento non vi sono margini di manovra per intervenire sul progetto; a maggior ragione se si considera il fatto che il nostro gruppo politico può ben poco anche ai fini di un dibattito consigliare sull’argomento. Ciò nonostante, apprendendo dalla vostra missiva dell’esistenza di documenti di approfondimento e di supporto tecnico delle vostre posizioni, saremo certamente lieti di conoscerne il contenuto e di valutarli, eventualmente anche incontrandoci, così da poterne discutere insieme a voi e al nostro interno e assumere, quindi, una posizione in merito più consapevole e condivisa del gruppo politico. Questo anche in prospettiva di eventuali iniziative.

Pensiamo, infatti, che il confronto e il rispetto delle posizioni di tutti, oltre che ad essere rispondenti con il dettato della nostra Costituzione, siano fondamentali per poter crescere tutti insieme e fare il bene della comunità. Noi la vediamo così e crediamo, a differenza dell’Amministrazione Guzzetti, che così si debbano rappresentare le istituzioni e i cittadini.

20022015

1 commento

Comments are closed.