SARONNO – “E’ incredibile se arriva un corriere per una consegna deve lasciare il proprio mezzo in via Piave o nello spiazzo del minigolf perchè non solo la sosta ma anche la fermata sono vietate su entrambi i lati della strada”. E’ questo una delle critiche arrivate dai residenti di via Ungaretti che negli ultimi giorni hanno visto entrare in vigore dei nuovi divieti.

Ma facciamo un passo indietro: l’arteria è decisamente stretta e da sempre le auto in sosta, in genere sul lato sinistro, costringono le vetture in transito, soprattutto quelle più grandi a procedere con una sorta di senso unico alternato. Ci sono state diverse segnalazioni alla polizia locale e richieste al Comune di studiare una nuova soluzione.

Negli ultimi giorni sono comparsi alcuni cartelli di divieto non solo di sosta ma anche di fermata che ha mandato su tutte le furie i residenti: “La verità è che crea tutta una serie di nuove problematiche: un divieto di sosta su un lato della strada poteva essere utile ma cosa c’entra anche quello di fermata? E non si potevano creare dei parcheggi?”.

“A tutti noi sembra un abuso di autorità che ci crea tantissimi problemi con chi ci viene a trovare costretto a posteggiare nelle arterie vicine che certo non pollulano di parcheggi liberi”.

Sulla vicenda si è espresso anche il giovane segretario cittadino della Lega Nord Davide Borghi e l’assessore alla Viabilità Roberto Barin ha dato una prima risposta ai saronnesi: “Abbiamo avuto – spiega l’esponente della Giunta – diverse segnalazioni dai residenti di via Ungaretti : dai problemi di circolazione a doppio senso quando ci sono le auto in sosta al problema di un eccesso di vetture sul ciglio della strada. Giovedì affronteremo il problema in Giunta cercando una soluzione che risponda alle esigenze dei residenti e delle attività commerciali della zona”.

22022015

22 Commenti

  1. Buongiorno, secondo me si dovrebbe fare un bel senso unico fino via Francesco de Sanctis

  2. Proprio non ce la fa Barin a farne una giusta.
    Ormai è al capolinea finisca senza ulteriori errori il suo incarico

  3. Era ora…….probabilmente bastava il divieto di sosta e non quello di fermata. Ma per noi che abitiamo in Via Ungaretti era impossibile uscire di casa con la macchina grazie a tutti coloro che parcheggiano davanti ai cancelli altrui.
    Comunque concordo con il senso unico e pensare che qualche mese fa avevano gia’ messo la segnaletica e poi e’ stata rimossa. Misteri dell’ assessore Barin.
    Gabriele

    • Abito in via Ungaretti e non mi è mai capitato che qualcuno parcheggiasse davanti al mio cancello o mi impedisse l’entrata / uscita. Il problema è unicamente il traffico poco scorrevole durante gli orari di punta della palestra dovuto alle auto parcheggiate vicino alla palestra stessa. Fino a pochi mesi fa questo problema era pressoché inesistente

  4. Facciamo una precisazione importante: la situazione è degenerata alcuni mesi fa quando è stata aperta una nuova palestra a circa 3/4 della via. La palestra è molto frequentata e negli orari di punta il suo parcheggio interno non basta, quindi la gente parcheggia anche lungo la via.
    Da qui a rendere la via divieto di sosta e fermata su entrambi i lati c’è ne passa parecchio anche perché adesso noi residenti non sappiamo più come parcheggiare o ricevere un ospite, il corriere, ecc. perché tecnicamente sarebbe vietato anche solo fermarsi per fare salire/scendere una persona e questo mi sembra veramente ridicolo in una via periferica.

  5. Faccio presente che qualche anno fa la via Ungaretti era piu’ larga di circa 50 cm e che è stata ristretta per rifare i marciapiedi; il lato nord è tuttora rimasto incompiuto in quanto non è mai stata completata l’asfaltatura (sono presenti solamente i cordoli laterali, per il resto si tratta di terra ed erbacce incolte) ed è quindi inagibile ai passanti, che vengono costretti a scendere sulla carreggiata. Impedire a qualsiasi abitante di fermarsi per poter aprire il cancello o porta della propria casa è un sopruso e un abuso e spero che un’autorita’ preposta intervenga immediatamente. La giustificazione portata da chi ha ordinato questo sopruso (salvaguardia del traffico pedonale) è quantomeno puerile e incoerente dal momento che, come ho già detto, il marciapiede nord è inutilizzabile da anni, senza che l’amministrazione si sia mai interessata alle esigenze dei pedoni. Ritengo oltremodo ingiusto e sbagliato che venga tolto a noi abitanti non solo la possibilità di parcheggio, ma anche la semplice sosta. Ricordo che il congestionamento della strada è insorto recentemente in seguito all’apertura di una palestra per la quale il Comune non sembra aver appurato anticipatamente la presenza di un parcheggio sufficientemente capiente per l’elevato numero di frequentatori. Piuttosto che causare disguidi e disagi ai vecchi abitanti, considerando che il parcheggio è essenziale soprattutto per le famiglie che presentano anziani o disabili, sarebbe meglio obbligare i nuovi ad organizzarsi.
    In ogni caso, ritengo essere inaccettabile il fatto che oggi, domenica, sia passata una pattuglia di vigili a sanzionare tutti i mezzi che erano parcheggiati: con tutti i problemi di criminalità presenti sul territorio saronnese, sarebbe stato meglio se fossero più correttamente impegnate altrove. Possibile poi che tutti i problemi riguardino via Ungaretti? E via De Santis, invece?

  6. Scusate ribadisco se un auto si ferma nel tratto iniziale quando si entra da via piave ai trova un ostacolo molto pericoloso e quelli che abitano ai numeri dispari hanno difficoltà a uscire dal cancello perché la strada diventa stretta. Comunque i parcheggi ci sono in via Lorca…. il divieto di fermata è sbagliato ( si vede che in comune avevano finito i cartelli ) ma il divieto di sosta almeno nel primo tratto è giusto considerando che passano tir e autobus. La polemica sifli stalli dei disabili mi sembra fuori luogo. Comunque è vero vhe il mezzo dei disabili non ha mai avuto uno stallo riservato.

    • E’ stato collocato il divieto di SOSTA e FERMATA davanti ad una comunità di alloggio di persone disabili. Questa comunità è dotata di un apposito mezzo attrezzato per trasportare queste persone che ha sempre sostato in prossimità della comunità stessa (per ovvi motivi).
      Ora con questo divieto questa comunità non solo non può più lasciare il mezzo in sosta, ma tecnicamente non può neanche più fare salire e scendere le persone disabili fermandosi davanti al proprio ingresso.
      Il mezzo in questione è il furgoncino bianco che si vede nelle foto.
      A dir poco VERGOGNOSO che dei disabili vengano trattati così.

  7. … sono un frequentatore della palestra e ho notato la sorpresa dei divieti di sosta … la mia impressione è che sia l’eneesima barinata per rompere le scatole a noi automobilisti in particolare a noi che frequentiamo la palestra … al più se proprio doveva fare qualcosa basta rendere la strada senso unico … c’è abbastanza spazio per il parcheggio e per farci passare le auto… ovviamente era troppo semplice !!!
    adesso alla sera parcheggeremo nella via di fianco fino a che anche quelli non vorranno il divieto di sosta… andiamo avanti coi divieti che andiamo bene… e meno male che siamo in periferia

  8. Questa sera Via Ungaretti era libera dalle auto. E’ molto più sicuro uscire di casa a piedi. e per il primo tratto e’ finalmente possibile uscire dai cancelli senza rischiare l’incidente.
    Concordo comunque che il divieto di fermata e’ assurdo. Voglio sperare che sia solo un problema momentaneo di reperimento dei cartelli e non l’ennesima sperimentazione del mitico Assessore.
    Comunque sono pienamente concorde con il senso unico. Ricorco che l’amministrazione qualche mesa addietro aveva già posizionato la segnaletica per far diventare Via Ungaretti a senso unico entrando da Via Piave, il senso unico di Via Lorca sarebbe stato invertito, Finalmente una cosa giusta fatta dal Dott Barin e Co …..ma inspiegabilmente dopo qualche giorno dalla posa tutta la segnaletica e’ stata rimossa. Sarà stata la solita sperimentazione ?

    • Veramente la strada ora è molto più pericolosa: essendo completamente libera è un rettilineo perfetto che può venire percorso ad alta velocità senza ostacoli da quelli che vanno e vengono al bar del minigolf in fondo alla via, alla palestra, o dai mezzi della vedetta Lombarda che sono sempre andati di fretta.
      Già prima questa gente correva soprattutto la sera, ora che la strada è un bel rettilineo c’è da avere paura ad attraversare perchè possono prendere velocità senza limiti: alla faccia della sicurezza dei pedoni !!!
      Se il problema è il “primo tratto” il divieto poteva essere collocato solo in corrispondenza di questo tratto.

  9. Abito in via Ungaretti,i problemi sono iniziati con l’apertura della palestra. Basterebbe fare un senso unico ..ma evidentemente è soluzione troppo semplice per l’assessore Barin. Il divieto di fermata…..una “genialata”!

  10. E’ vero una autentica genialata di Barin e del suo dirigente Gelmini:visti i continui furti e tentativi di scasso avvenuti nella zona,mettiamo il divieto di fermata cosi’ i ladri non possono fermarsi!!!Complimenti!!

  11. Di fronte alla palestra, all’altro lato della strada c’è un prato incolto. Basterebbe far parcheggiare li le auto degli utenti della palestra, un po come all’ippodromo a Varese

  12. Il prato di fronte alla palestra è di proprietà privata. Se ho ben capito però l’edificio in cui si trova la palestra stessa e la zona limitrofa è ancora un cantiere, forse potrebbero ricavare ulteriore parcheggi a lavoro ultimati. Di sicuro la soluzione attuale del divieto di sosta e fermata su tutta la via va rimossa !

  13. Abitiamo in via Ungaretti da oltre 25anni e non ci sono mai stati problemi di viabilita’ e parcheggio fino all’apertura della palestra.Bastava ,prima di dare l’autorizzazione ,obbligarli ad avere un numero di parcheggi adeguato agli utenti.Anche ora basta obbligarli ad aprire, immediatamente,come parcheggio lo spazio disponibile nel seminterrato sotto lo stabile dove si trova la citata palestra.

  14. Volevo far notare comunque una cosa, la via Ungaretti ha sempre avuto la striscia bianca CONTINUA a bordo strada, quindi anche se ci parcheggiavano, se non erro da codice della strada significa che il parcheggio non è consentito. Come è normale che sia laddove le dimensioni della strada non consentano di parcheggiare lasciando libera la carreggiata.

Comments are closed.