carabinieri (2)GERENZANO  – Sono scattate le manette ai polsi del 51enne gerenzanese colto in flagrante dai carabinieri della stazione di Cislago mentre beveva al bar quando in realtà per effetto di un provvedimento di sorveglianza speciale emesso dal tribunale di Milano avrebbe dovuto trovarsi a casa. E’ successo l’altra notte intorno a 1,30 quando i militari si sono presentati alla porta dell’abitazione in cui vive il 51enne.

Divorziato, nullafacente e con una lunga serie di precedenti l’uomo era sottoposto alla sorveglienza speciale per motivi di pubblica sicurezza: in sostanza aveva l’obbligo di soggiorno a Gerenzano, doveva restare a casa dalle 21 alle 7 del mattino e non poteva frequentare locali pubblici e pregiudicati.

Quando non l’hanno trovato a casa i carabinieri hanno realizzato alcuni sopralluoghi nei bar gerenzanesi e l’hanno trovato proprio lì seduto con alcuni conoscenti a concedersi un drink. E’ stato arrestato e portato in comando dove ha passato la notte in camera di sicurezza. Nella mattinata di lunedì è stato processato per direttissima condannato ad 8 mesi di reclusione e scarcerato.

24022015

4 Commenti

  1. Mi spiegate la diversità di utilizzo delle parole “nullafacente” e “disoccupato”?

  2. Quindi condannato a8 mesi ma scarcerato….se ho ben capito tornerà ai domiciliari, libero di violarli nuovamente fino alla prossima volta che lo beccano?!…Ma ha senso impegnare uomini e mezzi x cercare uno ai domiciliari, quando basterebbe l’applicazione del bracciale elettronico come negli USA?

Comments are closed.