SARONNO – Nuovo sold out al Santuario della Beata Vergine dei Miracoli per l’incontro organizzato per presentare ai saronnesi, ma anche ai pellegrini e agli appassionati d’arte, gli interventi di restauro realizzati sugli affreschi di Gaudenzio Ferrario che impreziosiscono la cupola dell’edificio di culto simbolo della città degli amaretti.

Nonostante una serata decisamente fredda e piovosa sono stati molti i saronnesi che hanno voluto essere presenti.  L’incontro di venerdì sera fa parte di una serie di approfondimenti voluti dal prevosto monsignor Armando Cattaneo e dal progettista e responsabile dei lavori Carlo Mariani per illustrare ai saronnesi gli interventi realizzati da giugno a dicembre sulla cupola. “L’ultimo intervento di restauro risaliva al 1996 e lo strato di sporco che si era accumulato era notevole – ha spiegato in diverse occasioni Mariani – visto che ad occuparsi dell’ultimo intervento era stato il noto restauratore Claudio Fociani che al momento ormai è in pensione abbiamo chiesto a due restauratrici saronnesi, Laura Scarpato e Simona de Giorgi, che già avevano lavorato con lui di realizzare quest’intervento che è stato utile anche per stabile un punto zero da cui partire per organizzare una manutenzione preventiva e programmata dell’affresco e della cupola”.

Con gomma prima, cotone ed acqua mineralizzata poi è stato eliminato lo strato di polvere e sporco. Per i ritocchi invece è stata utilizzata la stessa tecnica dell’ultimo intervento a partire dall’uso dell’acquerello. Ad illustrare passo per passo le diverse fasi dell’intervento sono state proprio le due restauratrici che hanno preso la parola dopo l’intervento di Carlo Capponi dell’ufficio beni culturali della curia arcivescovile di Milano. La serata ha avuto un ottimo riscontro di pubblico superando in termini di presenze quella inaugurale, realizzata venerdì 13 febbraio, dedicata alle statue lignee delle sibille e dei profeti che decorano la base della cupola.

24022015