SARONNO – Ladro di biciclette, sfreccia davanti alla derubata che però poi lo rintraccia ed a fare il resto ci pensano i carabinieri, che lo bloccano e lo denunciano. Vittima designata, stavolta, una casalinga di 46 anni: sulla bici lo scorso 12 febbraio aveva raggiunto piazza Aviatori, l’aveva lasciata nella rastrelliera ed era andata dalla parrucchiera, lì vicino. E proprio mentre si stava “facendo bella” dalla vetrina aveva visto passare un nordafricano in sella alla sua bicicletta, grigia con cestino nero.

carabinieri saronno (3)

Bici perduta per sempre? La saronnese non si era data per vinta ed un paio d’ore dopo aveva rivisto in via Volta il ladruncolo, ben riconoscibile per via di un difetto fisico. Aveva riferito tutto i carabinieri che successivamente lo avevano ritrovato in piazza Unità d’Italia e lo straniero, un marocchino di 45 anni non aveva avuto alcuna difficoltà ad ammettere di essere l’autore del furto. Ma la bicicletta non c’era più: l’extracomunitario l’aveva prestata ad un connazionale e non si sapeva dove fosse andato. Le ricerche sono continuate, ora i carabinieri hanno ritrovato e restituito la bici, mentre il ladro è stato denunciato a piede libero per furto. Lo straniero è in Italia senza permesso di soggiorno, occupazione e fissa dimora; e con un lungo elenco di precedenti penali.

(foto archivio)

13032015

24 Commenti

  1. …e con un lungo elenco di precedenti penali!!!
    Cosa deve fare ancora per essere rimandato a casa sua definitivamente?

    • Sì però smettiamola con questo disco rotto… questi sono deliquenti e come tale vanno trattati. Punto.

  2. Uno straniero senza permesso di soggiorno ,senza occuppazione , senza fissa dimora ,con un lungo elenco di precedenti penali ,colto in fragrante per furto ed anche ammissione del reato viene lasciato libero……………………….così con questa politica tutti gli stranieri posssono venire in Italia a delinquere , tanto non rischiano nulla e tanto peggio per gli Italiani , grazie alle politiche del governo centrale ed alle amministrazioni locali come a Saronno che permettono questi fatti e ne sono pienamente responsabili .

    • Ma il sindaco non può considerarlo elemento indesiderato ed espellerlo?

      E’ possibile

  3. E chissà per quanto ci rimarrà ad offrirci i suoi servizi. Grazie mille ai geni che hanno concepito il nostro sistema giuridico.

  4. poveri carabinieri, tutto questo impegno e poi? qualche legge va cambiata, così è tutto inutile.

  5. Non é possibile continuare cosi.
    Persone con precedenti penali e senza permesso di soggiorno vanno necessariamente espulse!

    • e infatti chi si lamenta.
      Se i proseliti aumentano una ragione ci sarà no?!?
      Forse sarebbe meglio che la sinistra inizi a riflettere sulle ragioni più che sui proseliti degli altri.
      Riflettere… mmmhhhh cosa vorrà dire?

  6. Ma come fate a scrivere “il ladro stavolta non la franca”!!!!!! Quello è in giro a fare danni INDISTURBATO!!!!!!

  7. E ….se invece di costruire un Tribunale, a Saronno venisse ricostruito il Carcere, come quello già esistente in Via S. Cristoforo negli anni 60, non sarebbe tanto meglio? Lo si riempirebbe subito di ” graditi ospiti “.

  8. Ditemi quale partito politico, nel suo programma, metterà mano a queste porcate e rimanderà a casa sua chi non ha diritto a stare qui e io lo voterò, lo giuro.

  9. Chissà se la signora aveva targato la bici, secondo alcuni unico modo per riavere la bici.

  10. Spero solo che alle prossime comunali, così (come quando sarà concesso), alle prossime nazionali, sappiate cosa votare, altrimenti, non lamentatevi, zitti e subite. SVEGLIATEVI.

    • Pino ha ragione: quando andate a votare ricordatevi che se in Italia può entrare chiunque, anche senza documenti, senza permesso di soggiorno e con precedenti penali, la responsabilità è di “alcuni”.
      Mentre altri sono contrari e si beccano dei “razzisti” solo perchè vogliono ripristinare la legalità !

  11. Il problema non sono gli extracomunitari. Il problema è la legge. Dobbiamo svegliarci in Italia, siamo solo bravi a lamentarci.

Comments are closed.