carabinieri serma via manzoniSARONNO – CARONNO PERTUSELLA – Hanno messo a soqquadro un appartamento ed avendo trovato solo 75 euro hanno danneggiato mobili ed arredi arrivando a rovinare irreparabilmente un televisione da 46 pollici: sono stati però arrestati dai carabinieri che sono riusciti a bloccarli grazie all’allarme lanciato da una residente del palazzo preso di mira.

Sono così scattate le manette a carico di una ventenne e di due minorenni tutti residenti in un campo nomadi nel Milanese. L’ieri mattina, intorno alle 10,30, in via Silvio Pellico l’impiegata di un ufficio ha notato un ragazzo scavalcare la recinzione ed aprire con il pulsante presente nel giardino il cancelletto per fare entrare altri due giorni. Insospettita, dalle modalità di accesso allo stabile, ha subito contattato i carabinieri che hanno inviato sul posto una pattuglia della locale stazione. Il terzetto è stato bloccato nel corridoio del piano terra dove avevano già suonato il campanello di un ufficio accampando delle scuse quando un’impiegata ha aperto. Perquisendo i tre i militari hanno trovato e posto sotto sequestro dei cacciaviti sotto le felpe dei minorenni e nella borsa della ragazza delle torce e 75 euro in contanti.

Rintracciando la proprietaria dell’altro appartamento a piano terra i carabinieri hanno scoperto che era stato svaligiato. I ladri erano penetrati dal giardini sul retro forzando una portafinestra. Avevano preso 75 euro in contanti dal comodino della camera da letto ed avevano messo a soqquadro l’intero appartamento. Delusi dalla scarsa refurtiva avevano danneggiato qualche mobile e inciso tre righe nel televisore 46 pollici del soggiorno rendendolo inutilizzabile.

Così sono scattate le accuse di furto aggravato in concorso, danneggiamento e porto di strumenti da scasso. I due minorenni sono stati trasferiti al centro di prima accoglienza Cesare Beccaria per la convalida dell’arresto. Uscendo dal palazzo i militari hanno notato una Citroen Saxo gialla che i giovani hanno confermato essere la propria auto. La stessa vettura era stata segnalata da un passante per l’atteggiamento sospetto degli occupanti qualche ora prima Cislago in via Turati.

Approfondendo i militari hanno scoperto che intorno alle 9 un passante aveva chiesto l’intervento dei carabinieri per l’atteggiamento sospetto degli occupanti della macchina che si erano dileguati in pochi minuti dopo che era scattato l’allarme nella zona facendo gesti volgare all’indirizzo dell’uomo che chiedeva spiegazioni. Il testimone è stato rintracciato ed ha subito riconosciuto il terzetto arrestato, che corrispondevano anche alla descrizione da lui fornita, permettendo di imputagli anche il colpo fallito a Cislago. I tre avevano tentato di entrare in un appartamento ma l’attivarsi del sistema anti-intrusione li aveva costretti alla fuga.

12 Commenti

  1. …quando qualcuno chiede di chiudere i campi ROM … apriti cielo!
    E questi sono i risultati.
    Accogliamoli, accettiamoli.

  2. Capisco che ho usato parole forti ma bisogna anche avere il coraggio di far capire che la gente è stufa di essere presa per i fondelli e continuare ad essere deptedata da questi individui. Rimuovere un commento non è un modo per capire quanto a disagio siano i cittadini onesti. Prima o poi i problemi bisogna affrontarli ed il falso buonismo o fingere che siano episodi isolati no fa altro che rimandare la soluzione del problema.

  3. Per questa gentaglia, non ci può essere integrazione, ci dev’essere una sacrosanta espulsione come persone non gradite sul territorio nnazionale ed in caso di un rientro in Italia clandestinamente, una bella condanna di 10 anni senza sconti di pena e neppure pene alternative al carcere. Perché, va bene tutto, ma quando è troppo, è troppo. E ora, non se ne può più veramente di questo schifo e di certa schifezza umana, non ne abbiamo assolutamente bisogno. E per tutte quelle persone che votano, o sarebbero pronti a votare i soliti partiti che ci governano e che sono favorevoli all’ingresso di certa gentaglia, dico solo una cosa : VERGOGNATEVI, perché siete responsabili di questo schifosissimo e pericoloso degrado sociale.

  4. L’eventuale accusa di razzismo che mi si potrebbe rivolgere è, al più, un problema che dovrei vedere con la mia coscienza. La mia coscienza è assolutamente a posto.

    Dimenticavo: i campi rom sono un’anomalia del nostro Paese che deve cessare di esistere.

    • Io penso sempre che il nostro razzismo al limite è tutto da dimostrare, che loro sono dei ladri è invece un fatto certo.

  5. Condivisibile Pino,ma tieni presente che sono rumeni o addirittura hanno cittadinanza italiana. Sono comunitari, non si possono espellere. Vanno semplicemente solo messi in galera.

  6. mi rubano l’auto a Saronno. Faccio la denuncia e vado dai concessionari per vedere cosa acquistare anche se non è il momento economico per farlo, e l’assicurazione mi rimborsa per il furto una miseria perchè, anche se l’auto è in ottimo stato, ha quasi dieci anni, ma potrebbe tranquillamente durarne altri 10. Il giorno prima di firmare il contratto mi chiama la polizia di stato: hanno ritrovato la mia auto, un poco malridotta (per fortuna l’assicurazione mi ha pagato i danni=2500€). Dove? nei pressi di un campo di zingari nella periferia di Milano. Che strano!!!!!!

Comments are closed.