carabinieri pattuglia (1)SARONNO – Evade dagli arresti domiciliari per due volte nonostante i riproveri della mamma che è arrivata ad urlare per le scale ed alla finestra. E’ successo qualche giorno fa in via Sevesi dove alcuni residenti hanno chiesto l’intervento dei carabinieri preoccupati dalle urla di una donna che arrivano da un appartamento al terzo piano.

Quando i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile è arrivata sul posto nessuno urlava più ma i militari hanno subito identificato l’abitazione in cui si era verificata la lite e ad aprire è stata una pensionata arrabbiata e preoccupata. La donna ha ammesso di essere stata lei a gridare: litigava con il figlio che, confinato ai domiciliari per precedenti reati, voleva uscire di casa. E che prima dell’arrivo dei carabinieri se n’era andato. Vista la presenza dei carabinieri la donna ha cercato di rintracciare il figlio al telefonino e lui ha candidamente ammesso di essere a Solaro e di non voler tornare a casa.

I militari hanno avviato le ricerche per trovare l’evaso e l’epilogo della vicenda è arrivato alle 22 quando la pattuglia  è accorsa in un bar di via Maestri del lavoro, dove veniva segnalata una vivace lite fra una coppia e un uomo. Quest’ultimo era il ricercato, oltre tutto in evidente stato di ebbrezza.

Così a suo carico è scattata una doppia denuncia per evasione dai domiciliari: non si sarebbe dovuto allontanare da casa senza permesso del giudice, per nessun motivo. Ora la sua posizione è al vaglio dell’autorità giudiziaria: per lui potrebbero aprirsi le porte del carcere di Busto Arsizio.