ORIGGIO – Con una conferenza stampa nel suo studio medico giovedì sera Mario Angelo Ceriani, ex sindaco che ha governato per un decennio si ricandida alla guida di Origgio. Lo fa alla testa della coalizione “ProMuovere Origgio” di cui fanno parte Forza Italia,  Lega Nord, Unione Italiana, Udc e Fratelli d’Italia. Non ci sarà invece il simbolo de “L’Arca” lista civica nata nell’ultima tornata elettorale in opposizione al Carroccio. “Quello nato negli ultimi mesi – ha chiarito Ceriani – è un progetto su cui si è trovata la quadra a livello varesino ma che è stato subito calato sul territorio dove ha trovato l’adesione di molte persone e realtà”.

Ma qualè l’obiettivo di “ProMuovere Origgio”? “Intendiamo rilanciare il nostro paese, appunto promuoverlo, punto fermo, valore indiscutibile e imprescindibile, a cui un amministratore pubblico, prima ancora che cittadino, si deve ispirare – esordisce il candidato – Pur consapevoli dell’attuale stato di crisi e della perdurante scarsità di risorse, garantiremo massima attenzione a capitoli importanti come la solidarietà, l’ambiente, la sicurezza sociale e il mondo dei giovani”. E’ altrattanto chiaro sulle motivazioni della sua discesa in campo: “Ho accettato questa candidatura certo di avere un valido e concreto sostegno da parte di persone preparate,responsabili e sapendo, senza presunzione, di poter contare sulla mia esperienza amministrativa maturata sia come Sindaco per due mandati consecutivi sia come consigliere provinciale. Accetto animato di pensiero positivo,propositivo,allontanandomi da dinamiche pericolose di chi è disposto a tutto per vincere e di chi è disposto a perdere tutto per impedire il consenso altrui”.

Nonostante il suo sia un ritorno Ceriani garantisce un mix di esperienza e ricambio generazionale: “Della lista persone fanno parte persone nuove, che amano il proprio territorio, disponibili a un impegno serio per l’applicazione di un programma sostenibile. Una squadra di origgesi rispettabili e competenti, in grado di gestire e risolvere le problematiche sempre più complesse”.

Per quanto riguarda il programma il candidato è molto chiaro: “Ci stiamo lavorando ma posso dire fin d’ora che sarà realista, sostenibile e punterà su serietà e moralità”.

20032015

3 Commenti

  1. Se LN e FDI appoggiano un rientro di un ex sindaco …fa riflettere il non sosotegno al rientro di ex sindaco saronnese : è palese che sia una questione del tutto personale che nulla ha a che fare con il bene di Saronno .Questo val bene una riflessione

  2. Vedo l’inossidabile Carlo di Pietro, storico militante della Lega Nord, assessore uscente ed il consigliere Ceolin. In bocca al lupo!

Comments are closed.