partecipanti cena alleanza cuochi italiani e slow food (2)SARONNO – Martedì 24 marzo alle 19.30 sarà inaugurata la mostra fotografica “Milano. Un viaggio per gli occhi e il palato dalla Milano di ieri a quella di oggi” nelle sale del ristorante Scibui – Eidos di via Padre Luigi Sampietro 109. La mostra, patrocinata dal comune di Saronno, prevede l’esposizione di 40 fotografie tratte dall’archivio di Arnaldo Chierichetti, storica figura di ottico e fotografo milanese che dagli inizi del ‘900 fino al secondo dopoguerra ha documentato in modo minuzioso i cambiamenti sociali e le evoluzioni urbanistiche di Milano, regalandoci così un affresco per immagini che racconta la città nel suo momento di transizione tra passato e modernità. Un vero e proprio tesoro documentaristico, fondamentale supporto per chiunque voglia ricostruire le vicende dell’epoca.

Nell’inverno 2013 si era tenuta a Palazzo Morando la mostra fotografica “Milano tra le due guerre”, l’occasione per celebrare al tempo stesso i 100 anni dell’Ottica Chierichetti e il suo fondatore Arnaldo, attraverso le fotografie del suo archivio. A distanza di un anno esatto dalla fine della rassegna milanese viene riproposta una selezione di quelle opere con lo scopo preciso di portare alla luce aspetti che in quell’occasione erano rimasti nell’ombra, come le insegne dei ristoranti e dei negozi alimentari degli anni ’30. Perché scegliere il cibo come filo conduttore di questo evento? Al di là del legame manifesto con l’imminente apertura di Expo, come ha detto un grande storico francese “il cibo è un tema illuminante per comprendere la storia delle società umane”. Il rapporto con il cibo, dagli anni ’30 ai giorni nostri, è molto cambiato; l’azienda alimentare ha fatto enormi passi avanti ma sovente ha smarrito la ricerca della qualità. Ecco allora che è venuto quasi naturale organizzare questa rassegna in un ristorante come Scibui – Eidos, che ha fatto del rispetto e dell’amore per il cibo la propria ragion d’essere.

Le fotografie, distribuite sui tre piani del ristorante, resteranno esposte fino al 14 aprile  e la mostra sarà visitabile tutti i giorni negli orari di apertura del locale.

22032015