CERIANO LAGHETTO – Volantinaggio in paese, a distribuire i depliant era un clandestino. A bloccarlo l’altro giorno è stata una pattuglia della polizia locale, che ha notato lo straniero impegnato appunto nella consegna a domicilio di volantini pubblicitari. Gli agenti gli hanno chiesto i documenti e così è emerso che il ragazzo, originario del Pakistan, non è in possesso del permesso di soggiorno. Risulta senza fissa dimora ed occupazione stabile. Sono stati avviati ulteriori accertamenti e per l’extracomunitario si profila l’espulsione dall’Italia.

clandestino ceriano

Ma non è finita qui: le indagini della vigilanza urbana vanno avanti per chiarire chi fosse il suo “datore di lavoro”, che evidentemente lo aveva assunto in “nero” per la distribuzione dei volantini. Il responsabile potrebbe rischiare una salata ammenda ed, eventualmente, anche una denuncia per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. La vicenda resta quindi ancora al vaglio delle forze dell’ordine e potrebbero esserci quindi molto presto ulteriori sviluppi.

(foto: da Facebook, una immagine del fermo dello straniero)

21032015

10 Commenti

  1. Per questo espulsione immediata, e per chi prende a sassate la gente a Saronno solo una sgridata a piede libero?
    Certo che le pene vengono date ad cazzum.

  2. Incredibile, chi lo avrebbe mai potuto pensare! Svegliaaaa, lo sanno tutti da sempre!

  3. Anche Ceriano Laghetto è in Italia e sembra invece che ci sia una gestione MOLTO diversa da Saronno , che dista SOLO pochi kilometri , forse sono le persone diverse , forse non c’è il PD .L’esempio di Ceriano sarebbe da seguire in tutta Italia , gli Italiani ringrazierebbero .

  4. Gli spacciatori, porca miseria! Gli scippatori, i ladri, ma è possibile che non si riesca a capire l’importanza del concetto di priorità?

  5. ecco qui un intervento contro un pericoloso delinquente che si guadagna da vivere “spacciando” volantini nelle cassette delle lettere, atto gravissimo in quel di Ceriano Laghetto, dove il Sindaco per scusarsi del paese sporco da la colpa ai distributori di volantini, che (tra l’altro) non svolgono nessuna azione illegale.
    Poi ci si lamenta se i poveracci delinquono, se lavorano per quattro soldi finiscono nei guaio lo stesso.

  6. Bravo Cattaneo. Strano che i sinistri difendano chi favorisce il lavoro nero e chi sfrutta i clandestini, al posto che assumere gli italiani.

Comments are closed.