wpid-20150415_184202-2.jpgSARONNO – “No  alla  “trentizzazione” della  città  e  no  all’estensione  dei  parcheggi  a  pagamento ovunque”:  Pierluigi  Gilli,  candidato  sindaco  della  coalizione  che  riunisce  Forza  Italia, Unione  italiana,  Popolari  (Udc,  Ppi  e  Ncd)  e  Pensionati,  è  estremamente  chiaro  sui  temi della  viabilità  che  più  interessano  i  saronnesi.  E  durante  il  primo  appuntamento  con  “I mercoledì  al  Punto  Gilli”,  lo  scorso  15  aprile,  non  ha  usato  giri  di  parole.  “La trentizzazione  della  città  attuata  dall’attuale  Amministrazione  non  ha  portato  a  una riduzione  dell’inquinamento  o  degli  incidenti  stradali  –  ha  spiegato  Gilli  –  Non  siamo contrari  alla  riduzione  della  velocità  nei  pressi  dei  punti  sensibili,  ma  all’estensione  del limite  dei  30  chilometri  orari  a  tutto  il  territorio.  Di  certo  se  dovessimo  averne  la possibilità  applicheremo  il  limite  dove  necessario,  non  in  modo  generalizzato,  come abbiamo  invano  suggerito  all’Amministrazione  uscente”.  Altrettanto  deciso  sul  tema  dei parcheggi  a  pagamento:  “Li  ritengo  giusti  in  alcune  zone,  come  nell’area  della  stazione ferroviaria,  ma  non  davanti  all’ospedale,  perché  chi  si  reca  lì  non  lo  fa  per  divertirsi. Trovo  che  sia  stato  un  errore  clamoroso  mettere  le  strisce  blu  in  tutti  i  posteggi,  perché ciò  ha  comportato  che  i  vigili  siano  impegnati  nel  controllo  di  chi  parcheggia irregolarmente  invece  che  occuparsi  di  questioni  decisamente  più  rilevanti”.   D’altra parte,  ha  voluto  sottolineare  come  “purtroppo  la  viabilità  interna  di  Saronno  è  stata compromessa  da  un’ideologia  contraria  alle  macchine,  che  ha  provocato  danni permanenti  a  livello  economico,  di  tempo  e  occupazionale”.

wpid-img_1771-2.jpg

Ma sono  diversi  i  temi  affrontati  all’incontro  moderato  dal  giornalista  Roberto  Poletti che  ha  visto  la  partecipazione  dell’assessore  di  Regione  Lombardia  alle  Infrastrutture  e Trasporti,  Alessandro  Sorte.  I  cittadini  intervenuti,  infatti,  hanno  chiesto  informazioni sulla  quinta  corsia  che  conduce  a  Milano  e  sulla  bretella  di  Pedemontana.  E  proprio Sorte  ha  chiarito  che  la  quinta  corsia  autostradale  “sarà  ultimata  entro  il  30  aprile  nel tratto  Lainate-Milano  Nord  ed  entro  la  fine  dell’anno  in  prossimità  della  biforcazione  tra l’A8  e  l’A9.  I  lavori  per  la  bretella  di  Pedemontana  (Solaro-Saronno-Lomazzo),  invece, termineranno  nei  primi  mesi  del  2016”.  L’assessore  Sorte  ha  poi  messo  in  evidenza  che “la  realizzazione  delle  strade  per  andare  incontro  alle  esigenze  dei  cittadini  e  migliorare la  situazione  esistente  è  qualcosa  di  positivo.  In  tanti  hanno  criticato  la  Pedemontana, definendola  un’opera  inutile  o  addirittura  uno  stupro  all’ambiente.  Sono  contrario  a  un interventismo  tanto  per  costruire,  ma  favorevole  alla  creazione  di  opere  che  hanno  un senso  e  Pedemontana  un  senso  ce l’ha”. Le  conclusioni  le  ha  tirate  Gilli,  che  ha  congedato  i  saronnesi  ricordando  che  “tra  il 2004  e  il  2009  abbiamo  attuato  la  rotatorizzazione  della  città,  realizzando  le  rotonde. Ebbene,  un  cittadino  mi  scrisse  che  grazie  alla  rotatoria  dell’Esselunga  impiegava  ogni giorno  15  minuti  in  meno  al  mattino  per  andare  a  lavoro  e  15  minuti  in  meno  alla  sera per  tornare  a  casa,  che,  moltiplicati  per  i  giorni  e  i  mesi  lavorativi  rappresentano  un notevole  risparmio  di  tempo.  Ecco,  questi  sono  gli  interventi  che  portano  a  un miglioramento della vita, non la politica della trentizzazione della città”.

17042015

7 Commenti

  1. la Pedemontana per me ha il senso di farsi finanziare con tangenti: un’opera costosissima, che diventerà (per fortuna) a pagamento ma adesso tutti zitti.E’ uno stupro al territorio, andate a vedere di persona le dimensioni del cantiere nel parco del Lura o il ponte che taglia in due il parco dell’Olona…manco fossimo a Los Angeles. Gilli adesso parla di trentizzazione (orribile neologismo) perché altre idee non ne ha, il prossimo codice europeo va proprio in quella direzione. aggiungo, tutte queste opere stradali non hanno ridotto di nulla il disordine, hanno solo aumentato il traffico

  2. Riguardo al commercio, non è vero che rendere le città ciclabili peggiori le vendite. Anzi, è vero esattamente il contrario, lo dimostrano 12 studi fatti in tutto il mondo:

    http://www.tuasaronno.it/?p=203

    È una questione di visione: Gilli (e purtroppo anche l’assessore Sorte) pensano che l’auto sia l’unico mezzo di spostamento e che le città debbano essere pensate in loro funzione.

    Fortunatamente, c’è chi pensa che vadano pensate in primis per le persone.

    • ma Gilli non credo sappia neppure guidare una bicicletta 🙂 , non ricordo di averlo mai visto neppure da giovane (ammesso che mai lo sia stato)

  3. ma dire no alla Trentizzazione significa che non vogliamo diventare come Trento?!? …
    Certo che fare campagna elettorale (non solo lui) su sti benedetti 30 all’ora … che du ball. … altre priorità no?!?

  4. caro BB la viabilità è forse il problema principale di Saronno. Questa giunta con i suoi esperimenti, le barinate ecc ha creato grossi ma grossi problemi a chi si deve muovere. A causa del 30 all’ora gli incidenti sono aumentati ( vedi statistiche rilasciate dall’Amministrazione ) si creano inutili intasamenti di traffico. E siccome non servono a nulla hanno messo in azione SuperBarin che nel nome della sicurezza e della mobilità dolce ( visto che i 30 all’ora non servono a nulla ) ha stretto le strade, creato gimcane, messi divieti di fermata, sperimentato con i colori, girato e rigirato i sensi unici ecc. Il tutto non gratis. Sono stati infatti spesi centinaia di migliaia di Euro e altri ne sono previsit per i prossimi anni per mettere in sicurezza Via Bergamo e il sottopasso di Via Primo Maggio. ( leggi bilancio preventivo ). A seguito delle barinate e dei 30 all’ora la polizia locale e’ impegnata nel faticoso compito di dare multe agli automobilisti ( bilancio di previsione oltre 1.800.000 euro di entrate previste per violazioni al codice della strada ) e non ha più mezzi e uomini per il controllo del territorio…quindi risse in stazione, furti ecc. Nota che poi il Dott Prof Nigro ha anche tolto il presidio della Polizia Locale in stazione per fare una sede staccata di alcuni uffici comunali. Molti sono infatti i pendolari che alla mattina devono fare un certificato di nascita o uno stato famiglia e non hanno il tempo ne le forze per fare i 500 mt che separano la stazione dal Municipio. Al pari delle barinate potremmo definirla una Nigrata. Se poi vuoi capire che cosa ha fatto l’amministrazione per il lavoro basta che ti leggi il PGT e capirai come l’attuale giunta intende sviluppare il mercato del lavoro a Saronno. Per ultimo puoi anche riguardarti le intelligentissime ordinanze circa il consumo degli alcolici in centro e magari capisci come mai in centro c’e’ sempre meno gente normale e più delinquenza. Mi raccomando…..attento quando sarai nella cabina elettorale ! Saluti Gio

Comments are closed.