SARONNO – Con una celebrazione ufficiale ma piena di calore di affetto la sezione cittadina dell’Associazione nazionale carabinieri ha celebrato oggi il proprio ottantesimo anniversario di attività a Saronno e il decimo anno di attivazione del Nucleo di protezione civile.

Le celebrazioni si sono aperte alle 9 con il posizionamento della corona d’alloro al monumento di Salvo d’Acquisto nel parco di via Carlo Porta. Presenti il comandante provinciale dei carabinieri Alessandro De Angelis, il vicecomandante provinciale della Guardia di finanza Domenico Conte, il capitano Giuseppe Regina, il luogotenente Diego Salvia e il tenente delle fiamme gialle Marco Velonà. Non hanno voluto mancare il presidente del tribunale di Varese Vito Piglionica, Daniela Borgonovo procuratore capo di Varese e quello di Busto Arsizio Gianluigi Fontana. Schierati con le associazioni d’arma anche i delegati dell’associazione carabinieri arrivati da tutta la Lombardia e guidati da delegato regionale generale di brigata Nazzareno Giovannelli e coordinatore provinciale Paolo Cazzola.

Da villa Gianetti è quindi partito il corteo, aperto dalla Fanfara del 3° reggimento carabinieri di Milano e dal gruppo storico dell’Arma, che ha raggiunto i pennoni in piazza Libertà dove alla presenza delle autorità civili, il vicesindaco Valeria Valioni, il deputato Gianfranco Librandi ed alcuni consiglieri comunali si è tenuto l’alzabandiera.

Il corteo ha poi attraversato il centro storico, via Portici, via San Cristoforo, via Verdi, via San Giuseppe, Corso Italia e via Roma per tornare nella sede di rappresentanza dove si è tenuto un momento di celebrazione aperto dal luogotenente Giovanni Morciano che ha letto la preghiera del carabinieri.

Ha quindi preso la parola Dario Canonici, presidente dell’associazione nazionale carabinieri, che per prima cosa ha ricordato i militari morti in servizio (Giuseppe Lo Vivo 1989, Giovanni Palermo 1998, Giorgio Illumino 2009) invitando sul palco i familiari così da rendere loro omaggio. E’ stata poi la volta di un breve excursus storico dell’attività della sezione fondata nel 1935 e che ad oggi conta 200 iscritti e che svolge diversi interventi nel corso dell’anno, mediamente una sessantina, in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Paolo Strano ha illustrato l’attività del Nucleo comunale di protezione civile spiegando l’impegno e la preparazione degli iscritti e riassumendo i numerosi interventi realizzati in tutt’Italia.
A nome dell’Amministrazione comunale ha preso la parola il vicesindaco Valeria Valioni che ha
sottolineato “il sentimento con cui abbiamo partecipato all’evento di oggi è quello di gratitudine per quanto queste persone fanno ogni giorno per la città”.

E’ stato quindi il momento dei ringraziamenti e degli omaggi a partire da quello consegnato a appuntato Angelo Cassola il membro più longevo, 104 anni, della sezione saronnese. La mattinata è proseguita con il concerto della Fanfara alle 11,30 alla Regina Pacis.

2 Commenti

  1. Ho due pilastri su cui reggono i miei convincimenti: la Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri. Solo grazie a Loro, in questi difficili momenti, riesco ancora a conservare senso civico ed etica.
    Nei prossimi difficilissimi anni, ove l’aggravarsi delle tensioni supereranno l’immaginabile, sapró su chi posso contare. Grazie a Voi ed al Vostri impegno.

Comments are closed.