SARONNO – Niente fiamme ma tanto anzi tantissimo fumo è l’emergenza che hanno affrontato stamattina i pompieri di Saronno chiamati ad intervenire alla Solter l’azienda di via Grieg specializzata nel trattamento meccanico avanzato per terre e rifiuti.

A dare l’allarme, poco prima delle 8, alcuni passanti che hanno visto una colonna di fumo uscire dall’azienda che si trova a poche decine di metri dalla stazione di Saronno Sud. I pompieri sono arrivati in pochi minuti e quando hanno aperto le porte del capannone da cui proveniva la nube l’hanno trovato così invaso dal fumo da aver difficoltà ad entrare. In realtà all’interno dell’azienda non c’erano fiamme ma solo delle braci che ardevano sotto alcuni cumuli di terra. I vigili del fuoco hanno iniziato a bagnare e a smassare il cumulo fino a spegnere completamente le fiamme. Sul posto è intervenuta un’autobotte di Busto Arsizio anche per fornire la termocamera strumento per cercare le fonti di calore nei locali invasi dal fumo di cui il comando saronnese è sprovvisto. Una situazione analoga si era verifica per l’ultimo incendio all’interno dell’ex Cantoni: anche in quell’occasione i pompieri avevano dovuto attendere che la strumentazione arrivasse da Busto Arsizio.

I vigili del fuoco hanno dovuto lavorare per l’intera mattinata per spegnere completamente le braci ed eliminare il fumo dal capannone. Terminate le operazioni di spegnimento i pompieri hanno svolto gli accertamenti per risalire alle cause dell’insolito incendio.

Ecco alcuni scatti con cui Matteo Turconi ha raccontato l’emergenza e l’intervento dei pompieri

3 Commenti

  1. Termocamera professionale, costo da 3000 a 5000 euro.
    Perché deve essere solo a Busto Arsizio?
    Quanto costa farli venire qui tutte le volte (autopompa + equipaggio di 5 persone che non serve perché’ c’e’ già’ la squadra di Saronno sul posto) ?
    Manca l’autoscala, ma a Saronno ci sono parecchi palazzi.
    Siamo stufi di essere trattati come cittadini di serie B.

  2. Ma cosa bruciava. E’ ifondamentale saperlo per valutare possibili rischi alla salute.

Comments are closed.