lorenzo guzzetti (1)UBOLDO – Con la consueta schiettezza e senza mezza parole il sindaco Lorenzo Guzzetti ha commentato, sul proprio profilo Facebook, i disordini che nel pomeriggio del primo maggio si sono registrati a Milano. Un lungo intervento di cui riportiamo alcuni stralci.

“Oggi però abbiamo davanti le immagini di una guerriglia urbana generata da quegli stessi idioti che da mesi continuano con la litania del “No Expo”. Imbecilli così non pensiate siano solo a Milano. Purtroppo ne abbiamo anche qualcuno vicino a noi. Gente che vede complotti ovunque, che urla al fascismo un giorno sì e l’altro pure, che parla di “attentati alla democrazia” quotidianamente. Che si vergognino, questi imbecilli”. 

Il primo cittadino va più a fondo:  “Gente italiana, per lo più studenti con mamma e papà che hanno tirato su i figli col cuore a sinistra ma il portafoglio rigorosamente a destra e pieno di banconote.
Questi qua sono italiani. Ed è inutile che scrivete ‪#‎alfanodimettiti‬ perchè siamo noi stessi quelli che avvallano, sempre, un garantismo che va oltre ogni limite dell’intelligenza umana e che propone un modello di educazione libertaria che ormai da anni è proposto fin dalla tenera età. Un’educazione che non educa, che non si interessa dell’uomo ma guarda al fatto che “il bambino faccia quello che si sente. E’ il fallimento, l’ennesimo, di un modello folle che sta distruggendo la nostra società. Il vero problema è che non abbiamo leggi che mettono le nostre Forze dell’Ordine in grado di “fare ordine”, perchè qualsiasi cosa fosse accaduta oggi un carabiniere o un poliziotto sarebbero stati processati e congedati.
Questa è la vera vergogna. E ditelo anche ai nostri #noexpo della porta accanto”

01052015

3 Commenti

  1. Condivisibile pienamente la condanna delle violenze, assolutamente inaccettabili e barbari, ma sbagliatissimo pensare che quelli di ieri fossero noxexpo, l’expo era solo una vetrina internazionale, fosse stato il G8 sarebbe stato lo stesso. Personalmente mi auguro che malgrado tutto questo expo possa andare bene e far vedere quanto di buono abbiamo, ma nei giudizi bisogna spesso evitare di generalizzare, anche perché è normale che qualcuno la pensi diversamente da noi stessi, e non detto che sbagli solo per questo.

Comments are closed.