alfonso indelicatoSARONNO – “Leggendo le prese di posizione sui media e sul vario materiale cartaceo stampato dalle formazioni della sinistra in questa campagna elettorale, non si può che scuotere la testa di fronte alla manifesta incapacità di valutare correttamente i termini del problema sicurezza in città”.

Inizia così la presa di posizione di Alfonso Indelicato, segretario cittadino di Fratelli d’Italia: “Nella sostanza, la questione viene indagata nelle sue cause, che vengono identificate, di volta in volta, nella “crisi economica”, nella “politica della non accoglienza nei confronti degli extracomunitari” nella mancanza di “solidarietà sociale” che produrrebbe emarginazione e, di conseguenza, comportamenti devianti. Altri guardano ancora più lontano nello spazio e nel tempo, identificando nei conflitti africani e nelle presunte colpe dell’Occidente la causa dell’incontrollata (ma potremmo anche dire favorita, grazie al ministro-taxi Alfano) immigrazione.

E’ chiaro che demandare allo scioglimento di questi nodi epocali la soluzione del problema sicurezza non significa semplicemente non risolverlo, ma significa non volerlo risolvere.

E in effetti, le ricette avanzate dalla sinistra per tamponare una situazione che ogni giorno di più sfugge di mano sono disarmanti nella loro manifesta inutilità. C’è chi propone di creare un “forum permanente sulla sicurezza” (immaginiamo quanto la criminalità maghrebina o dell’Est Europa tema una simile iniziativa), chi insiste sulla pratica del “controllo del vicinato” che storicamente non ha mai portato all’arresto neppure di un ladro di polli, chi ipotizza corsi scolastici di “educazione alla legalità” i quali, nelle intenzioni, dovrebbero crescere generazioni di cittadini imbottiti di senso civico più di un abitante di Zurigo. E naturalmente, niente “militarizzazione delle strade e delle città”e niente “ronde” (orrore!).

Ebbene, è ora di dire forte e chiaro che il problema non è a monte, ma è a valle. La criminalità comune non è un argomento da tavole rotonde, ma un doloroso problema della nostra città che va affrontato prima di tutto su un piano di fermo e pianificato contrasto, anche se il buonismo e perdonismo della vigente legislazione penale non facilita un simile atteggiamento. Cominciamo, insomma, a fare realmente terra bruciata attorno ai delinquenti. Quando essi avranno lasciato Saronno, faremo un bel convegno sulle cause vicine e lontane della devianza sociale”

13052015

7 Commenti

    • è vero, il maestro è Renzi che vive di almeno tre spot al giorno e ha già stancato anche lo stesso PD che inizia a maledire quelle “primarie” (uniche elezioni che ha vinto!).
      Andiamo avanti così sull’argomento sicurezza che va tutto bene… la denuncia a piede libero a degli sconosciuti senza identità è il massimo della pena che rischiano nella severissima Italia (gioppino dell’europa).

  1. ….ma in pratica? Pratica vera, non una generica “terra bruciata”. Quali azioni dovranno essere messe in pratica dalla futura giunta (non voglio limitarmi a parlare del Sindaco), ovvero da chi amministrerà la città, per rendere più sicura la città?

    Molto spesso, negli ultimi anni, si è puntato il dito contro il Sindaco, ma mai contro il comandante dei Vigili Urbani, del Comando dei Carabinieri o contro il Prefetto.

    Parlo da ignorante, non ho idea di chi sia la persona a cui poter addebitare in misura maggiore lo stato della sicurezza cittadina. Non ho mai avuto tempo o voglia di informarmi, le poche (e imprecise, politicizzate o semplici pettegolezzi) cose che so le ho lette o sentite dire in giro per Saronno.

    Grazie a chi mi saprà dare qualche risposta.

    • Rispondo a Paolo ma anche a tutti gli altri che mi chiedono di uscire dal generico e indicare nello specifico le misure per la sicurezza. Si può trovare il programma dettagliato di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale sulla nostra pagina Facebook. Non trascrivo qui il link per non farmi pubblicità indebita, ma lo si può trovare facilmente cercando su Google “Fratelli d’Italia Saronno”. Un cordiale saluto

Comments are closed.