SARONNO – “Solito vile attacco ai simboli leghisti mosso da mano codarda e ignota”. Così sulla propria pagina Facebook Raffaele Fagioli, consigliere comunale uscente e candidato con la Lega Nord alle imminenti elezioni comunali commenta il vandalismo messo a segno contro l’abitazione in via Varese dove vivere l’intera famiglia Fagioli. Nella villetta, infatti, abita anche Alessandro Fagioli, ex assessore provinciale e candidato sindaco della Lega Nord alla guida di una coalizione formata con Fratelli d’Italia, Saronno Protagonista e Doma nunch che, durante il gazebo elettorale al mercato, commenta l’accaduto con poche parole ma molto chiare: “Non sarà certo un azione intimidatoria compiuta da gente vergognosa a far diminuire il nostro impegno. Noi continuiamo per la nostra strada con determinazione”.

Il vandalismo è stato messo a segno ieri tra le 18 e le 21,30: qualcuno armato di vernice spray nera ha ricoperto il numero civico colorato di verde e il sole delle alpi situato al centro delle grate della cancellata. Si tratta di tocchi leghisti, come i piccoli Alberto da Giussano sulle colonne, realizzati da Elio Fagioli, papà di Raffaele e Alessandro, storico militante leghista notissimo per il suo impegno e per la sua presenza agli eventi del Carroccio.

Non è al prima volta che l’abitazione viene presa di mira a colpi di vernice spray: nel maggio 2011, quando Alessandro Fagioli era assessore provinciale e segretario cittadino del Carroccio, oltre ad essere annerito “il sole delle Alpi” sulla cancellate vennero anche realizzate scritte ingiuriose sull’asfalto del marcipiace davanti alla villetta.

13052015

 

53 Commenti

    • non sarai leghista ma senza dubbio sei IDIOTA e dimostri nel tuo commento tutta la tua IDIOZIA, al pari di quelli che ragionano con la bomboletta spray perché non ci riescono col cervello.

    • Che amarezza leggere certi commenti!!!!
      Se lo avessero fatto a casa tua??????
      Non importa di che partito sei è il brutto gesto che deve essere condannato!!!!!

    • Quale miglior pubblicità gratuita, in campagna elettorale, che fare la vittima? E se avesse fatto tutto da solo?

    • In questo caso si potrebbe dire: chi semina grandine raccoglie l’atto vandalico di un povero/i codardo/i frustrato/i

  1. Che vigliacchi!!!! Il fatto brutto e meschino è che questi soggetti presi singolarmente sono dei conigli ma, in branco, diventano dei veri e propri delinquenti!
    Mi spiace molto per la famiglia Fagioli!

  2. Io non sono leghista ma dopo questa cosa potrei quasi pensare di votare per la Lega. Questi stupidi che infrangono le più semplici norme di rispetto e libertà andando a danneggiare chi non la pensa come loro non capiscono che così facendo aiutano semplicemente chi credono di danneggiare. Anche perchè non ho mai visto una tale inciviltà in senso contrario, chi ha mai visto dei leghisti andare a imbrattare la casa di Porro o di qualche altro esponente di sinistra? Perciò complimenti a questi perdigiorno privi di rispetto, democrazia e libertà: grazie a voi la Lega avrà un voto in più!

    • Se scegli chi votare in base a chi ha subito più atti vandalici forse questi stupidi, come li chiami tu, sono in buona compagnia

      • vero, ma statisticamente imbrattamenti e vandalismi vari sono più numerosi da una parte rispetto che dall’altra. Vedi Telos 😉

  3. Questo gesto insieme vigliacco e ridicolo compiuto dai soliti sedicenti pacifisti e solidaristi è una medaglia sul petto del caro amico Raffaele.

    • Sono tanto dispiaciuta per tutta la famiglia Fagioli!!!
      Queste “persone” vigliacche si devono solo vergognare!!!!

  4. Alla faccia delle tante menate di RobinH e compagnia bella la realtà dei fatti è questa: a turno quasi tutti quelli del centro destra sono stati vittime di questi atti (che immagino in molti a sinistra si affretteranno a considerare episodi isolati, schegge impazzite e bambinesche giustificazioni varie). La verità è che hanno rovinato Saronno, se la vogliono tenere con tutte le loro poltroncine e questo è il modo. Davvero complimentoni.

    • c’era un altro che era il vero Ghino di Tacco che scriveva sui giornali, e che non ha fatto propriamente una bella fine.Detto questo, mi pare di capire che Ghino di Tacco come d’altra parte colui che emula, abbia la verità in tasca. Poi comperare una latta di vernice sono buoni proprio tutti, basta andare in qualunque supermercato…le poltroncine come le definisci tu vengono assegnate con libere elezioni, ma forse tu pensi che anche esse siano truccate allorché il risultato non fosse di tuo gradimento, come già sentito nel passato. E i voti fino ad adesso sono tutti uguali. Sorpreso??Hammamet è piacevole….soprattutto in questa stagione

  5. perchè non è vero che l’ideologia leghista inneggia all’odio e alla violenza?

  6. Mi spiace molto. Incominciano i dispetti, le insinuazioni, le scorrettezze. I deficienti sono sempre in agguato. Non bisogna dar loro importanza, non riusciranno a turbare il sereno e democratico confronto elettorale. Forza e coraggio!

  7. PER QUESTO BISOGNA VOTARE LEGA… E’ ORA DI FINIRLA CON QUESTI SINISTROIDI PIENI DI SOLDI E VUOTI DI CERVELLO !!!

  8. No ma fatemi capire: non hanno tirato bombe, recapitato proiettili, scritto lettere di minacce…gli hanno imbrattato il cancello!!!
    Fatevi un giro vicino allo “stadio”, lì è tutto imbrattato da anni e non di certo da sinistri (!) personaggi.
    Ah, ma visto che ci sono le elezioni questi sono “brutti episodi intimidatori che non ci fermeranno”. ma per favore dai….

    • queste cosucce non succedono mai a candidati di sx, segno che a dx usano il cervello e rispettano le idee altrui.

      • Guarda, sono l’ultima persona a difendere la sx, ma questa affermazione mi sembra alquanto azzardata….
        E dal mio punto di vista siete/sono tutti uguali.

        auguri.

    • Imbrattare i muri non è proprio la stessa cosa….questa è una casa privata per di più di una famiglia Leghista.
      Non è forse una presa di mira???? Ma per favore…..

      • I muri imbrattati fanno schifo in ogni caso, è che la state facendo più grossa di quello che è in realtà. Ma va bene così, Saronno ha SEMPRE quello che merita, da Tettamanzi in poi, NESSUNO escluso.

        auguri a tutti per il 31/5.

  9. per la cronaca, chissà se il fondo verde inventato dal Fagioli sul suo numero civico non è una palese violazione dei regolamenti comunali che non mi pare prevedano tale colore come sfondo.Ma questo è un dettaglio….soprattutto per chi si candida a governare la città….

    • Lo scrivere senza cognizione di causa porta a brutti esiti.
      Il numero civico danneggiato è quello “storico” come si evince facilmente dalla foto.
      Il civico in pietra col numero in bassorilievo fu posto dai nostri nonni amministratori quasi un secolo fa ed è stato sostituito legalmente ed ufficialmente da una delle amministrazioni anni ’80 con quelli in lamiera bianchi con bordo blu e scritta nera.
      Se gira per la città noterà che il civico “storico” è rimasto visibile in poche realtà; così come la targa in pietra con il nome della via. Ristrutturazioni edilizie, abbattimenti e ricostruzioni hanno fatto perdere memoria di una parte della nostra storia toponomastica: sulle vecchie targhe erano riportate informazioni sul personaggio o sull’evento evocato dal nome (cosa ne dice in merito la Società Storica Saronnese?).
      In buona sostanza: presenza e aspetto del numero civico “storico” sono di competenza del proprietario della targa medesima.
      E poiché la targa è acquistata ed apposta dal proprietario dell’immobile (3) risulta evidente che il proprietario è libero di colorarla a propria discrezione.
      Le riporto alcuni link a riferimenti normativi per sua cultura personale.
      1. Wikipedia definizione numero civico
      http://it.wikipedia.org/wiki/Numero_civico#Schema_europeo
      2. Art. 43 DPR 223 del 1989
      http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto.legge:1989-05-30;223!vig=
      3. Art. 10 Legge 1228 del 1954
      http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:legge:1954-12-24;1228!vig=9999-12-31

      Cordialità

    • solo RobinH poteva scrivere un commento del genere!!!!!!!!voglio vedere se lo facevano a casa tua!
      un gesto da vigliacchi!!
      solidarietà per l’accaduto al Sig. Fagioli!!!

    • beh… a guardar bene, di VERDE il “tuo” amato Porro, a Saronno in questi cinque anni, al di la di tante belle parole, non ne ha prodotto poi cosi tanto …

      • In compenso ha prodotto una bella striscia gialla lunga un km che abbiamo pagato un pacco di soldi !
        Dato che siamo in argomento “regolamenti”, mi piacerebbe sapere cosa dice il codice della strada di quella “cosa” o di altre geniali trovate di Porro e dell’amico Barin. Ma ovviamente quando si tratta di loro tutto è concesso, vero Robin 🙂 ?

        • se tu sapessi usare wikipedia, internet e quant’altro vedresti che sono in sintonia con i regolamenti italiani e europei..

          • Ehm, come il segnale di pista ciclo-pedonale in via varese in cui mancava il pedone, aggiunto successivamente quando è stato fatto notare dai cittadini (tra l’altro storto) ? O come quella strana fascia ai lati di via Varese larga pochi cm che non si capisce bene che funzione abbia 🙂 ?

    • non fare sempre il saccente e cogli ogni tanto l’occasione di far bella figura… semini ilSaronno di perle di assurdità, ne scrivi una peggio dell’altra… ma lo fai di mestiere o non hai niente da fare?!?

        • Già del resto, Tu dall’alto della tua… come dire, saggezza innata.. perché abbassarti e considerare il parere di gente comune e ignorante come noi …

    • M5S usa lo stemma del Comune di Saronno sui suoi volantini senza averne il permesso. Inoltre i volantini del M5S che vengono distribuiti risultano stampa clandestina, punibile penalmente, in quanto mancano della dicitura stampa in proprio, oppure del nome del tipografo. Non vogliamo risolvere la cosa per vie legali, come invece siete abituati a fare voi, dato che non vogliamo usare il Codice Rocco fascista contro le libertà di stampa, ma almeno state zitti…

  10. Questa è la democrazia secondo certa gentaglia. Forza Lega, buttiamoli tutti a mare!

  11. Che fenomeni, c’è stato anche chi in tempi di campagna elettorale si tagliò tutte e quattrl le gomme dell’auto dando la colpa a quegli stupidi incivili di sinistra. Inutile dire da che parte stava questa cima. Ma daltronde cosa vuoi spiegare a chi crede che il telos sia la rovina di saronno…

    • I telos non sono la rovina di Saronno, sono la rovina di se stessi e della civiltà in ogni dove.

      • Quindi fammi capire, dei ragazzi che usufruiscono di uno spazio che altrimenti sarebbe lasciato al completo abbandono sono la rovina della società? Mannaggia, e io che pensavo che la rovina della società fosse la corruzione, la mafia e tutti gli altri bei VALORI su cui si basa il nostro stato. Sparando ai telos (come li chiami tu, anche se di solito assumono le sembianze di quelli che solitamente prendono il nome di “ragazzi”) dovremmo risolvere i problemi del nostro paese allora

  12. E chissà come mai succedono sempre a quei poverini (in ogni senso possibile) chesi vestono sempre di verde. Avranno molti nemici, o fforse poca fantasia e un ottimo ufficio stampa

  13. Non per difendere i vandali, ma se uno mette i simboli di un partito sulla porta di casa è inevitabile che prima o poi qualcuno con altre idee politiche commetta atti di questo tipo.
    Suvvia Fagioli, meno ostentazione e nessuno cambierà colore alla vostra cancellata.
    P.S.: magari se chiamavate Silighini Garagnani (prima che diventi sindaco) una mano di vernice ce la metteva lui!

Comments are closed.