17032014 bocedi sgarbi omicidio granomelliSARONNO – Dopo la revisione della sentenza di primo grado da parte della Corte d’Appello, il saronnese presidente Paolo Bocedi ha scritto una lettera aperta ad Alex Maggio, l’assassino della negoziante saronnese Maria Angela Granomelli. Il delitto era avvenuto nell’estate di due anni fa.

Ecco in sintesi la lettera di Bocedi

Professione: assassino, nome Alex Maggio. Il 3 agosto del 2013 hai ammazzato senza pietà Maria Angela Granomelli nella sua oreficeria Tiffany nel centro di Saronno per poi andartene in vacanza a divertirti.
Ero con la mia associazione, Sos Italia libera, parte civile al processo, così ho potuto visionare i filmati e le immagini di tanta mattanza e di tanta crudeltà.

Il 10 giugno dell’anno scorso il giudice Chionna del Tribunale di Busto Arsizio ti ha condannato alla pena dell’ergastolo. Se ricordi ero seduto al fianco del pm Calcaterra. Alla lettura della sentenza ti ho sussurrato: “assassino!” e tu hai abbassato lo sguardo.

Ieri la corte d’appello ti ha ridotto la pena a 30 anni. Ciò vuol dire che tra sconti di pena, buona condotta e quant’altro tra 15 anni sarai libero. Una famiglia in frantumi per colpa tua, solo tua. Angela meritava di vivere la sua vita come gli altri e di essere felice dopo tanti anni di sacrifici, ma questo aimè non le è stato concesso. La mia è una denuncia pubblica, che ha il solo obbiettivo di sensibilizzare le forze dell’ordine e le istituzioni i cittadini tutti ma sopratutto la Cassazione per chiedere di rivedere tra un anno questa sentenza d’appello e di confermare la pena dell’ergastolo.

Paolo Bocedi, presidente “Sos Italia libera”

05062015

6 Commenti

  1. In questo paese non credo si farà nemmeno 15 anni, tra 5 o 6 cominceranno a dargli i permessi per buona condotta, così potrà uscire ed ammazzare qualcun’altro. Che schifo!

  2. Se. La vittima fosse qualche giudice? Vrxremo poi con quanto successo al tribunale di mila no…

Comments are closed.