SARONNO – Stanno bene ed è continuato tutto il giorno l’andirivieni di cittadini dai pesci del torrente Lura: il riferimento va alla pozza dove i sopravvissuti sono confinati dalla secca in cui si è improvvisamente trovato, da qualche giorno, il corso d’acqua, per cause tutte da definire e sulle quali stanno indagando le istituzioni locali.

I pesci superstiti si sono da domenica ammassati nell’unico punto del tratto saronnese dove c’era ancora poca acqua residua, all’altezza del ponticello di via Tommaseo, in centro. A monitorare la situazione il presidente della commissione Lura, Alberto Paleardi: al momento i pesci, centinaia, forse migliaia sono tenuti in vita grazie ad un temporaneo collegamento con la rete idrica, che immette acqua fresca ed ossigenata. Decine i saronnesi che oggi hanno fatto tappa al ponticello per vedere la situazione, e per portare un po’ di pane ai pesci. Da qui a domenica la situazione meteo non dovrebbe cambiare; per consentire ai pesci di lasciare quella che per loro si stava rivelando come una trappola mortale servirebbe una piena del torrente.

30062015