presentazione domà nunch (1)SARONNO – “Abbiamo letto con tenerezza l’ironica iniziativa del gruppo saronnese “L’altra Europa con Tsipras”, che qualche giorno fa ha organizzato un “Curs de dialett per terun e baluba” (sic), allo scopo di prendere in giro l’Amministrazione comunale in cui siamo presenti e attivi con il nostro assessorato all’Ecologia e sport”.

Inizia così il comunicato di Domà nunch, partito che fa parte della coalizione di centrodestra che sostiene il sindaco Alessandro Fagioli.

Siamo sempre contenti quando – anche con un pretesto come quello – c’è chi riconosce la nostra lingua locale; ma tanto per partire, ci piacerebbe che costoro fossero degli alfabetizzati in tale idioma. Dopo tutto, sappiamo perfettamente che i soggetti in questione sono già tutti professoroni a cui non serve studiare. Dunque, per quel che ci riguarda, possono ben continuare a rendersi ridicoli, ma sappiano anche che una lingua – la nostra lingua materna – è una cosa seria e come tale va trattata.

Infatti, per gli amici nostrani dello pseudo-eroe greco, il “dialetto”, il Milanese e le parlate lombarde sono evidentemente una barzelletta, al più una buona ragione per considerare razzista chi lo parla o lo scrive. Probabilmente perchè essi non trovano il nostro dialetto abbastanza internazionalista, per niente globale, e ormai abbandonato da decenni anche nei salotti buoni della sinistra. Begli ambienti, in cui è già passato di moda il francesce, lo spagnolo, l’inglese e in cui tutti oggi sanno come si dice “no” in lingua ellenica!

Il movimento cui apparteniamo, invece, di esperienza circa il “dialetto” ne ha parecchia: ricordiamo solo i nostri convegni, cui sono intervenuti studiosi italiani ed esteri, i corsi di lingua per i giovani, le collaborazioni con docenti di università europee, la raccolta e pubblicazione dei racconti popolari, la realizzazione di traduzione dalla lingua originale al milanese di capolavori della letteratura mondiale, come “Il Piccolo Principe” e “Dracula”.

Sicchè questa volta non ce la prendiamo, cari amici di Tsipras: grazie alla vostra sgangherata simpatia, abbiamo deciso di organizzare un vero corso di lingua milanese, invitandovi già da subito a partecipare. Non si sa mai che, imparando, possiate abbattere le barriere culturali, arricchire culturalmente gli stranieri, aumentare il rispetto della nostra identità e della nostra cultura. Perchè la nostra lingua è anch’essa parte di quella biodiversità di cui vi riempite tanto la bocca.

17072015

13 Commenti

  1. Doma nunch s’ affretta ad esprimere “tenerezza” per il corso dialettale ma TACE sui fatti d’ illegalità’ che ancora una volta interessano la nostra città’

  2. Il dialetto è morto, fatevene una ragione. Tra un paio di generazioni non lo parlerà più nessuno, rimarrà relegato nei teatri e nelle vostre conferenze.

  3. …ma tanto per partire, ci piacerebbe che, anche Domà Nunch, fosse alfabetizzato nel buon governo di una città e nelle prioritarià dei cittadini …Da quel che si legge non si vede nessuna luce in fondo al tunnel se non quella di un treno

  4. Sembrava una simpatica risposta a quei boriosi di Tsipras…ma quando ho letto che “Il Piccolo Principe” sarebbe un “capolavoro della letteratura mondiale” ho avuto un collasso.

  5. Visto che il dialetto è “la vostra lingua”, perché il comunicato non lo avete scritto in milanese?

    • perché non sapendo scrivere hanno dovuto chiamare un ghost-writer che non conosceva la loro lingua 😉

    • il comunicato + stato scritto in milanese e italiano. è stata una scelta del giornale pubblicarlo solo in italiano. comunque eccoti accontentato:

      DEL BESÒGN DE ON CORS DE MILANES… PER TSIPRAS!

      Hemm legiuu con tenerezza l’inziativa irònica del grupp saronés de ‘L’altra Europa con Tsipras’ che, on quai dì fa, l’ha organizzaa on “Curs de dialett per terun e baluba” (sic). L’obiettiv l’era de toeu in gir l’Amministrazion Comunal indoè semm denter e semm attiv cont el nòst Assessoraa a l’Ecologia e al Sport.

      Semm semper content quand, anca cont ona scusa comè quella, gh’è on quaivun che el recognoss la nòstra lengua local. Ma, tant per comincià, ne piasaria che sti gent fussen alfabetizzaa in quell idioma. Dòpo tutt, numm el semm ben che i soggett in question hinn giamò tucc professoroni, che gh’hann minga bisògn de studià. Donca, per cunt nòst, pòden ben seguttà a fà i pajasc. Ma ch’el sappien che ona lengua, la nòstra lengua mader – l’è ona ròbba seria, e inscì la và trattada.

      Difatti, per sti amìs nostran del pseudo-eròe grech, l’è ciar che el “dialett”, el Milanes e i lengov lombard, hinn ona barzelletta, al massim ona bòna reson per dagh del razzista a quei che el parlen ò scriven. Fòrsi perchè, per lor, el nòst dialett l’è nò internazionalista assee, global per nagòtt, e el se parla nanca pù in di salòtt bon de la sinistra. Che bej ambient, indoè el frances, el spagnoeu e l’ingles hinn giamò passaa de mòda e incoeu tucc sann comè se dis de “nò” in de la lengua ellenica!

      De contra, el nòst Moviment, de esperienza in sul “dialett” ghe n’ha tanta: regordarii i nòst convegn, che gh’hann partecipaa studios italian e forest, i cors de lengua per i giovin, i nòst collaborazion con professor di universitaa europee, la raccòlta e lapubblicazion di stòri pòpolar, la traduzion da la lengua original di capolavòr de la letteradura mondial, comè “El Princip Piscinin”e el “Dracula”.

      Sicchè stavòlta se la ciappom nò, cari amìs de Tsipras: grazie a la vòstra simpatia sgangherada, hemm deciduu de organizzà de bòn on cors de milanes, e ve invidom già de subit a partecipà. El se sa mai che, in de l’imprend, podariov tirà giò i barrier cultural, dagh on quaicòss pussee a livell coltural ai forestee, fà pussee grand el rispett de la nòstra cultura e de la nòstra identità. Perchè la nòstra lengua, anca lee l’è ona part de quella biòdiversità che ve impieniss inscì tant la bocca.

  6. L’era ura. Indué ca trovi i liber de testo? Chi el sarà el prufesur? Se pagherà minga!

Comments are closed.