06062015 accoltellati in stazione (8)SARONNO – Qualche bottiglia di birra di troppo, un pizzico di orgoglio nazionale e un motivo futile di cui nessuno ormai si ricorda più: questi gli ingredienti della rissa tra marocchini e tunisini scoppiata qualche notte fa davanti allo scalo ferroviario di piazza Cadorna.

Protagonisti dello scontro una dozzina di nordafricani che dopo aver passato la serata passeggiando e chiacchierano intorno alla stazione all’improvviso, intorno alle 2 del mattino, hanno iniziato un’animata discussione.

In un mix di italiano ed arabo hanno iniziato a volare parole grosse subito seguite da pugni, sberle e calci. La situazione è presto degenerata e sono in molti i residenti che sentendo le urla e gli schiamazzi sono usciti sui terrazzi per capire cosa stesse succedendo. Non è stato necessario l’intervento delle forze dell’ordine quando un saronnese ha urlato “chiamo i carabinieri” gli stranieri anche i più malconci si sono dileguati di corsa.

Uno spettacolo con certo edificante visto che c’erano uomini che si erano tolti le magliette e spochi di sangue in più punti. In ogni caso tutti sono riusciti ad allontanarsi senza lasciare traccia.

(foto archivio)

28072015

10 Commenti

  1. Maledetti nordafricani, dobbiamo fare qualcosa noi cittadini, le istituzioni ci hanno abbandonati.

  2. senza lasciare traccia ???!!!??? … ma se sono sempre a pascolare lì, le tracce sono ovunque purtroppo.
    Magari sparissero sia loro che le loro tracce.

  3. Ormai certe cose fanno parte degli eventi cittadini in calendario insieme a notte bianca giovedi con negozi aperti ecc ecc purtroppo questi sono ormai giornalieri e sempre piu pericolosi!

  4. orgoglio nazionale ??!!?? ahahahahahahah… sicuramente motivi di droga e soldi e magari tra loro c’era anche quello che gira col fucile indisturbato… ma per piacere… sopprimerli.

  5. In ogni caso tutti sono riusciti ad allontanarsi senza lasciare traccia.
    Ridicolo ed avvilente ! Come se la stazione di Saronno non fosse un rinomato luogo di incontro o scontro tra malavitosi ! Come se questa condizione di impunibilità fosse un diritto acquisito. Come se i cittadini saronnesi fossero un branco di sprovveduti, incapaci di intendere e volere, senza diritti ma con tanti doveri fiscali. Come se si trattasse di una banale criticità … Tocca al primo cittadino una risposta chiara e coerente. Il tempo passa.

  6. Non è possibile che alla sera dobbiamo ammonire i nostri ragazzi a NON girare per le strade della loro città a causa di questi elementi !!! E’ assurdo non poter passeggiare per il centro e i nostri parchi a causa di questa delinquenza !!! Che tornino da dove sono venuti !!!

Comments are closed.