sconosciuto SARONNO – Sabato 12 e domenica 13 settembre, allo Stadio Colombo/Gianetti di via Biffi, si svolgeranno i Campionati Regionali individuali di Atletica Leggera, categoria allieve/allievi. Un evento di una notevole importanza, dato che saranno in pista (e sulle pedane) oltre 600 atleti tra i migliori della Lombardia, per un programma gare che spazierà dai 110 hs alla staffetta 4×400 metri.

OSA Saronno, storica società saronnese e padrona di casa, sarà presente con atleti di rilievo come Arianna Biazzi (200 e 400), Bruschi nel giavellotto, Sala nei 200, Pupi nei 3000 siepi. E poi Colombo, Monolo e molti altri. Da tenere d’occhio anche le staffette a conclusione delle due giornate. L’impegno profuso da OSA Saronno sarà, come al solito, notevolissimo. È grazie alle impeccabili capacità organizzative della società, infatti, che la pista di Saronno viene scelta tra tutte le altre disponibili in Lombardia quando si tratta di gare di un certo rilievo, nonostante l’evidente necessità di lavori di manutenzione e rifacimento. OSA è una società che opera da 60 anni sul
territorio e che ha dato all’Italia campioni mondiali e ottimi piazzamenti ai campionati europei, in tempi recenti con Lorenzo Perini sui 110 hs, oltre a diversi campioni nazionali nelle varie specialità, sia all’aperto sia indoor.

Per questa ragione, OSA Saronno invita tutti i cittadini a venire allo stadio Colombo/Gianetti, questo fine settimana dalle 15, per vivere una due giorni in cui a tenere banco sarà la regina degli sport, l’atletica leggera, facendo il tifo per i numerosi atleti saronnesi impegnati sul campo.

5 Commenti

  1. Un evento di questa portata riuscirà ad avere meno di 100 presenze?
    Lo stadio è inagibile.

  2. sono stato a vedere l’evento….finalmente ho rivisto un Colombo Gianetti stracolmo di pubblico, che bello!!!…almeno 200-300 persone sulle tribune…ma allora mi sono domandato: come mai qualcuno può e altri no???

  3. concordo, è inagibile in molte sue parti e aggiungo “pericoloso”.
    Ho avuto modo di frequentarlo ultimamente e penso che nulla al suo interno sia a norma! Gli spogliatoi dove si lavano e asciugano decine di nostri ragazzi non hanno nessuna sicurezza, l’impianto elettrico agghiacciante e le strutture decadenti.
    ASL, pompieri e enti preposti dovrebbero avere il DOVERE di fare delle serie verifiche e il coraggio di chiuderlo se non a norma.
    E’ con enorme dispiacere che posto questo mio commento, ma ne va della sicurezza dei nostri figli… sono argomenti su cui non si scherza!

  4. Bisogna seguire le regole.. non oltre 100 persone, questa è la situazione dello stadio ..se non si rispettano le regole l’OSA chi è? Che Santo ha in Paradiso ? Da anni fa quello che vuole !! Gli altri rispettano, loro come sempre fanno quello che vogliono. non capisco la posizione OSA !! Spero tanto che l’assessore dia un freno all’Osa..dato che osa troppo fregandosene di tutto e di tutti !!

  5. Ero presente ieri e ci andrò anche oggi. A parte il degrado e la vergognosa situazione in cui versa la struttura, ho chiuso un occhio e contato solo metà delle persone che c’erano in tribuna ed erano 95 ….. fate voi la somma …………..

Comments are closed.