SARONNO – Pare strano eppure la pianeggiante città di Saronno continua a distinguersi nel mondo del trekking e dell’esplorazione in quota. Si è appena sviluppata all’estero una nuova tendenza il “fastpacking” e già un esperto gruppo di saronnesi ha realizzato una omonima pagina Facebook dedicata a questa tendenza e, grazie all’interesse di molte associazioni internazionali ed aziende del settore, stanno dando il via non solo alla redazione di itinerari di viaggio ma anche ad una estesa recensione delle più note attrezzature presenti sul mercato internazionale.

moltrasio renzo in yukon

Se vi state chiedendo in cosa consiste il “fastpacking” bene non è altro che l’evoluzione del trekking che grazie ai nuovi standard di allenamento ed all’utilizzo di appositi materiali extralight diviene ancora più veloce e “leggero”. Con il giusto allenamento e l’ equipaggiamento adatto diviene possibile completare in una giornata percorsi che sino a pochi anni fa richiedevano anche tre giorni di cammino. I nuovi materiali permettono ai praticanti di avventurarsi in montagna con zainetti da 4 chilogrammi rispetto ai 12-16 chili di alcuni anni fa, le nuove metodologie di allenamento ereditate dal trail permettono a questi escursionisti/sportivi di correre per lunghi tratti rendendo così ogni meta più veloce e facile da raggiungere.

Il progetto dei saronnesi si fa ancora più ampio e grazie al sostegno della società sportiva “lightrailaction” stanno dando il vita ad un programma di allenamenti guidati, escursioni diurne e notturne ed incontri a tema. A guidare l’organizzazione l’inossidabile Renzo Moltrasio (foto) ultra runner ed esploratore dell’estremo affiancato fra gli altri da Omar, preparatore atletico e volenterosa guida nel mondo del trekking veloce, e Fabio Banfi a breve impegnato in un test materiali nella più estrema delle competizioni nazionali in alta quota, il Tor Des Geants , ove dovrà correre per ben 330 chilometri sui passi alpini della Valle D’Aosta.

B.F.

11092015