SARONNO – Pienone nella mattina di giovedì al centro islamico di via Grieg a Saronno per una delle ricorrenze più sacre dei musulmani, la “Festa del sacrificio”. Centinaia e centinaia le persone, comprese intere famiglie, che di buon ora, prima del lavoro, si sono recate nella struttura saronnese, a fare gli onori di casa l’imam Najib Al Bared ed i responsabili del centro, con il “rompete le righe” che è giunto prima delle 10, al termine di una breve ma molto sentita cerimonia religiosa.

15102013 festa del sacrificio saronno (6)

Tante auto parcheggiate in zona e tanti fedeli, che non sono passati inosservati, che si sono incamminati verso via Grieg dal centro cittadino indossando gli abiti tradizionali; o dai posteggi più lontani, c’è chi ha lasciato l’auto in via Varese e lungo viale Lombardia.

La Festa del sacrificio, a Saronno erano più di 500 i presenti, è una delle più importanti ricorrenze dell’islam, celebrata annualmente per ricordare il sacrificio ordinato da Dio a Abramo. Altrove implica anche il sacrificio di animali, a Saronno ciò non è mai avvenuto. Non è invece mancato il tradizionale banchetto, gestito dai più giovani, per la distribuzione di dolcetti tradizionali.

(foto archivio)

24092015

19 Commenti

    • bravo scurbat ci hai preso in pieno! l’unico vero sacrificio è il nostro a sopportare tutto ciò

  1. continuiamo a dare corda e a far fare ciò che vogliono a questa marmaglia…..ve ne accorgerete…..
    Per ogni moschea o centro islamico deve esserci una chiesa cristiana al vostro paese…..vi va bene? no? e allora stai a casa tua…..

  2. Tutti al loro paese se ne devono andare ! Qui siamo Cristiani chi viene si deve adeguare altrimenti via. Provate ad andare al loro paese a pregare Cristianesimo ! Vi sgozzano vivi ……

  3. Sacrificio di Isacco, Genesi 22,1-18.
    Antico testamento, spesso nella prima lettura durante la nostra messa cristiano-cattolica.
    E’ quindi un punto in comune tra le due religioni.
    Dov’è il problema?

  4. Persa una buona occasione per stare zitti. Il sacrificio che pensa qualcuno che ha commentato non è roba da cannibali o simili. Bastava leggere l’articolo, ma, si sa, per molti leggere è solo una baggianata da donnicciole. Meglio restare nell’ignoranza e limitarsi a parlare di calcio o di donne al bar. Anzi, ieri al bar un tizio stava proprio dicendo: “Se io sarei il sindaco….”. Semm à post!

  5. …poi le chiese sono deserte dai nostri cristiani, tutti a difesa della cultura cristiana, poi in chiesa non vedi nessuno e neppure applicano i comandamenti

    • hanno imparato dalla loro guida spirituale, quella Oriana Fallaci che viveva nella Quinta Avenue predicando la guerra dii religione (meno male che esiste la parola oblio…salvo quelli che le hanno intestato vie e biblioteche)

  6. la Fallaci grande donna !!!
    um mito, una che aveva visto lontano… invasione musulmana!!!!!!!

Comments are closed.