SARONNO – Si sono rimboccati le maniche e indossando le pettorine gialle di Legambiente hanno ripulito il giardino della propria scuola e il parchetto del loro quartiere. E’ stata questa la “missione” degli alunni delle quinte elementari della scuola San Giovanni Bosco di via Avogadro che venerdì pomeriggio hanno aperto il programma di “Puliamo il mondo” di Ambiente Saronno.

Alle 14,30 i bimbi si sono ritrovati in classe con i volontari che hanno spiegato loro il progetto “Puliamo il mondo” che viene svolto in contemporanea in tutto il mondo. E’ stato dedicato un approfondimento anche a come smaltire i rifiuti a partire da quelli di plastica.

Il pomeriggio è proseguito con la pulizia le cortile e dell’area verde poco distante dalla scuola. Prima di tornare in classe i bimbi hanno partecipato ad una sorta di “pesca” in cui con uno scatolone e tanta fantasia è stato simulato un mare pieno di rifiuti che loro dovevano recuperare e smaltire correttamente. Utilizzando lo schifezzometro e vedendo quanti rifiuti hanno raccolto in poche ore gli alunni hanno realizzato che “c’è ancora troppo sporco e che quindi è importante lavorare tutti i giorni per evitare di inquinare”.

Settimana prossima sono previsti altri appuntamenti analoghi in altri istituti scolastici saronnesi.

26092015

6 Commenti

  1. San Giovanni Bosco, scuola di “frontiera” ma sempre in prima linea su iniziative ambientali. Un plauso alle maestre, agli alunni ed a Lega Ambiente per l’impegno

  2. é tutta la cittá che é sporca, tenura male e piena di graffiti. Una vergogna. Cambiano i sindaci ma la cittá é sempre la stessa, penosa.

  3. Assurdo che il giardino della scuola sia sporco!
    1. Chi sporca, i bambini o estranei?
    2. I bidelli o agenzia pulizia non puliscono?

  4. La maggior parte della spazzatura proveniva dai dintorni della recinzione, qualcosa portato dal vento.

  5. C’é anche da dire che le scuole hanno riaperto da poco e per tre mesi le aree verdi adibite ai bambini non sono state custodite. Al di là di tutte queste considerazioni, però, sono state raccolte varie carte di merendine…segno che, anche se la situazione generale in materia di coscienza ambientale è in netto miglioramento, l’educazione ambientale è ancora un’
    occasione fondamentale di crescita per le giovani generazioni.

Comments are closed.