SARONNO – Dopo le assoluzioni per 17 imputati per l’occupazione della villetta Piovra, sono arrivate anche quelle per i 7 giovani finiti alla sbarra per l’invasione dello stabile di via Randaccio realizzata dagli attivisti del centro sociale Telos e del comitato “Senza casa” nel febbraio 2014.

La vicenda è nota: il 9 febbraio 2014 alcuni ragazzi entrarono in una palazzina di via Randaccio, a pochi metri da uno dei primi Telos quello di via Concordia, e diedero il via ad un’occupazione abitativa ed aggregativa. Due giorni dopo alle prime luci del mattino i militari della compagnia cittadina con la polizia di Stato e il supporto logistico di quella locale entrarono nella palazzina e sgomberarono gli occupanti. Erano presenti 7 giovani tra i 31 ed i vent’anni ed un gatto. Tutti i ragazzi furono identificati ed accusati di resistenza a pubblico ufficiale.

Nel processo di primo grado che si è concluso mercoledì scorso al tribunale di Busto Arsizio sono stati tutti assolti malgrado la richiesta di una condanna a 4 mesi di reclusione avanzata dal pubblico ministero: “Un risultato sicuramente molto positivo – commenta l’avvocato dei ragazzi Elio Giannangeli – a sostegno dell’accusa di resistenza c’erano elementi davvero scarsi e comunque non è mai stato provato che i giovani identificati nella struttura fossero proprio quelli che avevano posizionato i lucchetti o realizzato il buco nel muro che configuravano il reato di resistenza”.

Alcune immagini dell’occupazione

Alcune immagini dello sgombero

12102015

8 Commenti

  1. che notizia!?
    tu lavori, fai sacrifici, ti fai il “mazzo” paghi le tasse e poi forse, un giorno per caso, sbagli e ti prendi una sanzione … prova a non pagarla…? volgiamo parlare di che cosa vai incontro secondo le leggi italiane?
    loro no, loro sono “protetti”, loro non pagano mai … godono dell’immunità (parlamentare?) forse, perché chi li protegge è parlamentare ed ha una grande responsabilità nei confronti della società,
    si tutela chi delinque e se ne infischia degli onesti
    che schifo

  2. in un paese serio e con la magistratura che funziona, metá telos sarebbe dietro le sbarre. In un paese serio.

  3. Ma invece di accusarli di Resistenza, che non c’era stata, accusarli di occupazione abusiva o altri reati che avevano realmente commesso, anche se meno grave no?

Comments are closed.