SARONNO – La Frazione calcistica Dal Pozzo rischia di restare… in mezzo a una strada: il sindaco di Turate, Alberto Oleari, ha offerto al neonato club calcistico solo due possibilità, andarsene subito dal centro sportivo turatese o giocare a porte chiuse, senza pubblico, sino a quando non avranno trovato una location alternativa.

20151011 salus gerenzano-dal pozzo (15)

Ad annunciarlo è la stessa Dal Pozzo, in un comunicato diffuso su internet.

“Siamo stati convocati dal sindaco di Turate che ci ha invitati a decidere quale possa essere il nostro futuro come ospiti del centro sportivo di Turate. La scelta che avremmo dovuto prendere é tra la revoca del campo e la possibilità di giocare a porte chiuse fino a che non avremmo trovato un altro campo in cui trasferirci per disputare le partite casalinghe”. Da parte della società calcistica la richiesta al primo cittadino di “prendersi le sue responsabilità:”Ci siamo trovati in un’assemblea straordinaria per dibattere sulla questione ed é stato deciso di rimandare tutta la responsabilitá di una decisione tanto critica al sindaco stesso. Crediamo infatti sia giusto che a prendersi la responsabilitá di una scelta tanto importante debba essere chi ha l’autoritá per farlo. Attendiamo quindi la comunicazione della scelta che il sindaco e la giunta comunale di Turate riterranno piú idonea alla situazione”.

Nato durante l’estate, il club che milita in Terza categoria sotto il profilo sportivo ha sempre tenuto un comportamento esemplare ed anche allo stadio di Turate non sono mai accaduti fatti di rilievo per il giudice sportivo. Ma alla prima di campionato, il 6 settembre, alcuni tifosi sul tragitto fra la stazione ferroviaria ed il centro sportivo avevano imbrattato alcuni muri del paese, con scritte contro le forze dell’ordine ed anarchiche; ed a seguire per 11 di loro erano giunti i Daspo della questura, il divieto cioè ad entrare in tutti gli impianti sportivo europei.

Il Dal Pozzo, società della frazione fra Saronno e Ceriano Laghetto, veleggia attualmente in una posizione di media classifica nel campionato d’appartenenza: ad inizio stagione la scelta, in mancanza di alternative nella zona, era stata di disputare gli incontri interni a Turate ed è reduce dalla sconfitta contro la Salus Gerenzano. Domenica prossima dovrebbe giocare in casa: i dirigenti hanno chiesto all’avversario di turno, il Rescalda, l’inversione di campo.

15102015

2 Commenti

  1. ma per cosa??? Per nulla, visto che dentro il loro stadietto di paesotto non hanno avuto mai problemi. Classica decisione perbenista per avere un po’ di consenso popolare.

Comments are closed.