Brahma_blaurebhuhnfarbig_gebändert_galloSARONNO – Si era rifugiato in un cespuglio nell’area verde tra via Varese, via Ferrari e via Escrivà il gallo che ieri mattina è stato salvato dallo spirito di osservazione di una commerciante saronnese e dall’intraprendenza del comando di polizia locale.

L’insolita emergenza è scattata intorno alle 10 quando alla centrale operativa è arrivata la chiamata di una commerciante saronnese che ha raccontato di aver visto un gallo che si nascondeva in un cespuglio. La pattuglia inviata sul posto ha subito notato l’animale visibilmente agitato ed intimorito tanto da non lasciarsi avvicinare.

E’ stato così chiamato un contadino che ha un’azienda agricola nel Saronnese che arrivato sul posto in pochi minuti. L’uomo con maestria recuperato l’animale senza difficoltà ed in pochi minuti. Non solo si è anche offerto di offrirgli una casa e visto che nessuno ne ha denunciato la “fuga” il gallo spaesato è stato affidato al contadino. Diversi i passanti ed i saronnesi che, dalle finestre dei palazzi, hanno assistito alle operazioni di recupero.

19102015

11 Commenti

  1. Sembrerebbe un esemplare non comune.

    Chissà chi non dorme da tre notti, … ma poveretto non è certo il galletto! Fortunato, anzi direi !

  2. “”Dall’intraprendenza del comando di polizia”””” ma stiamo scherzando? La polizia locale si occupi di cose più importanti, con tutti i problemi che ci sono a Saronno!

  3. Notizia, ero pronto a scrivere che avevo una pentola libera per ospitarlo, ma vista la foto mi ha fatto invidia , bello così chissà quante gallinelle può soddisfare!!

  4. MNK!!! “La pattuglia inviata sul posto ha subito notato l’animale visibilmente agitato ed intimorito tanto da non lasciarsi avvicinare” non riesco a crederci, sto ancora ridendo.–

  5. Non é possibile che nell’anno 2015 debba essere chiamata una Pattuglia della Polizia Locale per salvare un povero gallo …
    Ma non si poteva chiamare l’Enpa ???
    Ma la Polizia Locale deve essere allertata per queste cose ???
    Non è possibile !!!

    • Da regolamento invece è possibile, sulla fauna cosidetta domestica e il recupero di randagi è la polizia locale il riferente che di solito (nel caso di cani, ad ex) chiama un accalappiatore. ENPA è un associazione di volontari, nel caso magari poteva anche occuparsene ma la competenza resta locale. Sulla fauna selvatica, invece, si chiama la polizia provinciale (finché ci sarà visto che sul controllo ambientale si sta facendo sparire tutto…).

  6. Magari la prossima volta chiamiamo ad intervenire i Ris di Parma il Ministro delle Politiche Agricole o gli alieni .

    • non riesci proprio a non pensarci eh… non te ne fai una ragione… reggerai per cinque anni?!? secondo me no, vai in analisi prima.

Comments are closed.