SARONNO – Lunedì mattina come sempre a spasso in piazza Libertà nella “sua” Saronno, per Giuliano Melosi con il fedele cagnolino al guinzaglio. Stavolta incassando i complimenti di tanti passanti e concittadini, innanzitutto da parte di chi lo conosce da tempo perchè innamorato del calcio. Strette di mano e richieste di notizie non solo sulla squadra che allena da quest’estate, il Varese capolista nel campionato di calcio d’Eccellenza, ma anche sull’avversario domenicale, il Fbc Saronno, sconfitto 3-0 al “Franco Ossola”.

01112015 Finale Varese- fbc saronno fronte ribelle (4)

“Ho visto un Saronno molto guardingo, che ha badato soprattutto a lasciarci pochi spazi. Quando siamo rientrati in spogliatoio, all’intervallo, sullo 0-0, ha chiesto ai miei giocatori di non scoraggiarsi, il gol sarebbe inevitabilmente arrivato, e così è stato. Poi quando hanno perso anche Balzaretti per l’espulsione, la strada è stata in discesa” ha riepilogato Melosi. Sul Saronno “una squadra che sta adesso assumendo una certa fisionomia, anche se non hanno segnato mi sono piaciuti soprattutto i due attaccanti, Moro e Babatunde, si vede che hanno piedi buoni e visione di gioco ma non li si scopre certo ora”.

02112015

1 commento

Comments are closed.