SARONNO – Qualche minuto di ritardo sulla tabella di marcia della presentazione del progetto Eramus alla scuola media Bascapè si è trasformata stamattina in un’occasione per gli studenti per fare una chiacchierata con l’europarlamentare Lara Comi sul terrorismo. E’ stata proprio la deputata del parlamento europeo, ospite della scuola, ad interrompere le chiacchiere dei ragazzi per proporre un momento di riflessione comune. “Invece di parlare solo tra voi, facciamo una conversazione insieme? Cosa ne pensate voi del terrorismo? Chi ha il coraggio di alzare la mano e raccontare cos’è e se ne ha paura”. Gli studenti non se lo sono fatti ripetere due volte ed hanno iniziato ad esprimere le proprie opinioni rispondendo con semplicità e schiettezza alle domande dell’europarlamentare.

“Devo dire che trovo le vostre opinioni molto più mature e realistiche di alcune di quelle sentite in questi giorni – si è complimentata l’europarlamentare – è una guerra tra chi vuole il male e chi vuole il bene”. Comi ha poi raccontato la propria esperienza personale: “Tra poco prenderò un aereo per andare a Strasburgo che è un’altra città in cui l’allerta è alta. Inutile negare che un po’ di preoccupazione c’è ma non dobbiamo farci fermare dalla paura”.

Ed ha concluso: “E’ anche importante non generalizzare non tutti i musulmani sono estremisti islamici. Ci sono anche dei vostri compagni che sono mussulmani che non vanno isolati. Amano la pace come voi e bisogna evitare che vengano strumentalizzati”.

23112015

11 Commenti

  1. Incubo Comi, gli studenti ne parlano con i terroristi.

  2. lasciatela fare ormai in bambini sono gli unici che l’ascoltano perchè non la conoscono ancora

    • Essendo poi studenti Erasmus, quasi tutti non avranno capito cosa stava dicendo loro (in Italiano).

  3. ma non era all’europarlamento? ieri non era a bruxelles? che articolo ha scritto sulla situazione belga se non era presente? serietà zero

  4. “evitiamo di strumentalizzare”, disse l’europarlamentare. con fotografo al seguito.

Comments are closed.