ceriano campi cattaneo faccia a faccia CERIANO LAGHETTO – Parole grosse ieri sera in consiglio comunale, un consiglio straordinario tenuto sui campi gara del Tennis Ceriano, per omaggiare le ragazze che domenica hanno ottenuto un’incredibile salvezza nel massimo campionato italiano a squadre. Durante un accesa discussione sul bilancio, il capogruppo dell’opposizione Orizzonte Comune, Mauro Campi, si è lasciato sfuggire l’epiteto “Cretino” nei confronti del sindaco Dante Cattaneo. «Stavo parlando con un altro consigliere ed era più una valutazione sulle dichiarazioni del primo cittadino», spiega, «una parola per la quale ho porto subito le mie scuse, scuse che tengo a rinnovare. Naturalmente il sindaco non ha fatto nulla per sedare la situazione, anzi, l’ha cavalcata. La discussione trattava un argomento delicato come il bilancio: l’assessore alle Finanze Roberto Crippa ha indirettamente confermato i problemi economici che evidenziamo da tempo nei conti del comune, promettendo addirittura di risolverli entro quattro anni, dimenticandosi però che il mandato attuale terminerà in due anni e mezzo. Quando Cattaneo ha iniziato a dare la colpa al Governo centrale, a Renzi, a Roma ladrona, le solite boutade della Lega, mi è scappata quella valutazione. A questo punto, al posto di concentrarsi sui reali problemi del paese, il sindaco ha pensato bene di buttare tutto in caciara, come suo solito, per distogliere l’attenzione». Il commento del borgomastro leghista, però, rimane piccato: «Sono in Consiglio comunale da undici anni, prima come consigliere comunale e poi come sindaco e mai mi era successo di ricevere da un consigliere avversario l’epiteto di “Cretino”. E’ chiaramente una vergogna che denota il nervosismo, lo sprezzo e la tracotanza che l’attuale opposizione ha verso le persone e le istituzioni che governano con onestà e impegno questa comunità. Non è buon esempio da dare, si rischia che poi menti più deboli si lascino andare ad atti e violenze vandaliche verso gli avversari politici. Sinceramente spero che non accada più e si possa avere d’ora in poi un’opposizione più costruttiva. Io personalmente amministrerò con ancora più energia per tutti i miei cittadini, compreso chi ha dimenticato cosa voglia dire educazione e rispetto».

01122015

10 Commenti

  1. E di quello che e’ accaduto a saronno non dite nulla? Certo, dovete difendere la lega!

  2. troppo comodo insultare poi scusarsi, come se questo risolvesse tutto. E Ha pure la faccia tosta di dire che il Sindaco ha “cavalcato la situazione”: cosa avrebbe dovuto fare secondo lui? Acettare l’insulto come se fosse una cosa normale, dimenticandosene dopo pochi minuti? Se l’insulto fosse staot fatto a uno del PD, la cosa sarebbe arrivata fino a Roma!

    • Ha visto gli ultimi consigli comunali di Saronno? Mi riferisco in particolare al penultimo (che la redazione ha omesso cosi’ come ha omesso tante altre cose) in cui il consigliere veronese si e’ arrabbiato e ha insultato due consiglieri PD.
      Nell’ultimo consiglio comunale invece ha rotto un microfono.
      Ma non sono notizie importanti tanto quanto quelle di ceriano, altrimenti poverini!

  3. ..che la Lega sia diventata maestra di bon-ton è un insulto all’intelligenza dei lettori

  4. E’ vergognoso che questo giornale ometta di raccontare quanto succede nel consiglio comunale di Saronno, dove il comportamento del Consigliere Veronesi della Lega nord è stato di gran lunga peggiore, visto che ha insultato i consiglieri di minoranza e rotto un microfono, e riporti quanto succede negli altri comuni.

    • Per l’episodio a cui fa riferimento (avvenuto nell’ultimo consiglio comunale) troverà un articolo nella sezione città. Saluti Sara Giudici

Comments are closed.