image SARONNO – “Vediamo se questa volta viene individuato qualche responsabile”. È questa la chiosa del stringatissimo commento del sindaco Alessandro Fagioli allo sgombero avvenuto stamattina alle 6 della palazzina tra via Milano e via Varese. Lo scorso 21 novembre lo stabile era stato occupato dai ragazzi del centro sociale Telos che l’hanno utilizzato per serate musicali ed cineforum. 

Dopo la denuncia presentata dalla prorietà i carabinieri e la polizia di stato sono intervenuti oggi all’alba entrando nella palazzina completamente vuota. Nel corso della giornata una squadra di operai ha sigillato per la terza volta (l’edificio è stato occupato nel novembre scorso, nel 2010, nel ottobre 2014). 

Nel pomeriggio è arrivato il commento del primo cittadino che esprime il proprio ringraziamento alle forze dell’ordine: “Ringrazio le forze dell’ordine per l’attività che svolgono sul territorio, dove questa mattina c’è stato per l’ennesima volta un ripristino di una situazione di illegalità. Vediamo se questa volta viene individuato qualche responsabile”. 

10122015

8 Commenti

  1. meno male che è lui il responsabile della sicurezza…in un edificio vuoto chi pensa di trovare di responsabili???

  2. I responsabili li trovate alle 18.00 in stazione, caricateli pure sulle camionette…e portateli lontano lontano da Saronno. Grazie forze dell’ordine, grazie sindaco Fagioli.

  3. I responsabili ormai dovrebbero essere arcinoti! Perchè la proprietà dello stabile non lo demolisce una volta per tutte? E’ così da 30 anni, ogni giorno più marcio.

    • Non si mette mano perché bonificare costa tanto, vedi ex Cantoni.
      Se fosse cosí facile dismettere il tutto sai quante case avrebbero già edificato su quei terreni…

    • giusto! … ma quindi la colpa è dei Telos o della proprietà?!?
      Intendo dire che per qualche Anonimo ossessionato la colpa è del sindaco che è in carica solo da pochi mesi (ma è della Lega), per molti altri è facile dare la colpa della situazione ai Telos, secondo me la colpa è invece della proprietà complici le precedenti amministrazioni degli ultimi 20 anni… o no?
      E come questa almeno altre 20 aree dimesse a Saronno che sembra sempre più una città stile Chernobyl.

Comments are closed.