lara comi libro lavoro SARONNO – Nuova bufera sull’europarlamentare saronnese Lara Comi: questa volta ad essere criticato “l’annuncio di lavoro” con tanto di selfie inserito nella retrocopertina del libro “A.A.A. Lavoro Offresi – Quel che devi sapere sulle opportunità della Garanzia Giovani” appena dato alle stampe e che sarà presentato mercoledì 23 dicembre al Palazzo del Lavoro a Milano.

A far discutere la frase sul retro: “Acquista il libro, fai un selfie e invialo insieme al tuo curriculum”. La proposta è semplice: comprare il testo, farsi un selfie e inviarlo insieme al curriculum vitae a [email protected] “Le migliori candidature – si legge nel testo – saranno selezionate per uno stage retribuito presso il mio ufficio al Parlamento Europeo”.

La polemica è partita proprio dall’Europarlamento dove la saronnese ha omaggiato il proprio libro ai colleghi. Qualcuno ha lamentato che “un selfie” come criterio di selezione non fosse “lungimirante né generoso perchè in questo modo non è la cultura ma la fortuna che conta”.

La notizia è stata presto ripresa da molti media, a partire da L’Espresso e dall’Huffingtonpost, ed è stata al centro di un vivace botta e risposta su Twitter.
Lara Comi ha risposto alle accuse con semplicità.

11 Commenti

  1. megalomania allo stato puro e corruzione nei confronti dei giovani. tu compri il mio libro e poi magari io ti trovo lavoro. aberrante

  2. Suggerirei un dignitoso silenzio: spesso le pezze sono molto peggio degli strappi….

  3. Il criterio di scelta mi sembra perfettamente nello stile: si sceglie solo la “bella gente”.

    Da una parte e dall’altra, tutti sempre più a caccia di protagonismo (come “l’europarlamentare” che sente il bisogno di “postare” repliche stizzite sui “social” del popolino).

  4. un libro dove spiega il fallimento di “garanzia giovani” o un libro dove si crea solo l’ennesima illusione sul lavoro che non c’è e non ci sarà visto che nel Def è tempo che si scrive che la disoccupazione deve rimanere stabile per mantenere inflazione sotto certi livelli e garantire deflazione salariale per “renderci competitivi” ahh giusto
    dimenticavo ce lo chiede l’europa di esser così, l’europa ci ha chiesto di passare da quarta potenza industriale (senza materie prime) a quarto mondo nell’arco di 20 anni, le uniche garanzie che ci sono sono quelle di un servilismo stolto e cessione di sovranità monetaria e politica ad un entità astratta che come unica funzione ha quella di fagogitare soldi e opprime
    buona garazia giovani a tutti

  5. se serve un selfie per la scelta del candidato/a, mi chiedo di che genere di lavoro si tratti!!

Comments are closed.