SARONNO – Nuovo weekend di lavoro per i volontari del parcheggio solidale l’iniziativa proposta dall’Amministrazione comunale con il Villaggio Sos e con l’associazione “Sulle orme di Maria Lattuada” che mette a disposizione degli automobilisti i posti auto sul tetto del Municipio in campo di un’offerta libera che verrà utilizzata per finanziare progetti del sodalizio.

Già lo scorso fine settimana è stato allestito il gazebo all’ingresso di piazza Repubblica la segnaletica che informa gli automobilisti della possibilità di accedere al tetto del Comune, abitualmente riservato ai dipendenti, per parcheggiare in cambio di una piccola offerta. A fornire tutte le spiegazioni del caso volontari in pettorina florescente anche se ormai, al terzo anno, l’iniziativa è collaudata e ben conosciuta dagli automobilisti. Il parcheggio solidale sarà attivo oggi e domani domenica 20 dicembre dalle 9 alle 20. Sul tetto del Comune ci sono circa 80 stalli e i volontari contano di riuscire ad occuparli tutti soprattutto nel pomeriggio quando si registra il picco di accessi.

19122015

3 Commenti

  1. devono essere i provvedimenti anti-inquinamento dell’amministrazione comunale 🙂

    • quindi ogni cosa deve essere negativa se non proviene dalla tua parte politica (sinistra, anarchica o sa il diavolo)? se dai lavoro sfrutti la manodopera? se eviti code per ricerca di parcheggi fornendoli in centro (riducendo l’inquinamento) vuoi incrementare l’uso delle auto? se dai da mangiare a un affamato cerchi di farlo diventare obeso o diabetico? se gli dai soldi cerchi di corromperlo? se non dici cazzate, stai male?

      • c’è chi invece crede alle sciocchezze sotto un gazebo, che finalmente siano stati risolti i problemi della sicurezza, per avere fermato un venditore di marroni e uno di fiori, e che sia stato smantellato il traffico di droga in stazione. Per la cronaca le code in centro non sono diminuite di niente mentre le polvere sottili hanno sforato i limiti di legge (quelli che prevedono un limite di giorni oltre quali i comuni pagheranno una multa), e non si è visto un provvedimento che sia uno per limitare le circolazioni delle auto (si l’invito a limitare la temperatura in casa, tanto nessuno controlla), ma si sa che si perderebbe le simpatie dei commercianti, del DUC e amenità del genere

Comments are closed.