CERIANO LAGHETTO – Forze dell’ordine, polizia locale e carabinieri, mobilitati questa sera per l’allarme bomba scattato durante la seduta del consiglio comunale.

Il dibattito era in corso, sul delicato tema della centrale turbogas, quando nella sala sono entrati i carabinieri e la polizia locale. Il comandante della polizia locale Giuseppe Sessa ha scambiato due parole con il primo cittadino Dante Cattaneo che, dopo essere uscito dall’aula ed aver parlato coi carabinieri, ha invitato tutti a lasciare l’aula per alcuni controlli per un allarme bomba

Consiglieri e pubblico, complessivamente erano presenti un’ottantina di cittadini, si sono radunati nella piazza dove sono presto arrivate diverse pattuglie. La sala è stata passata al setaccio con diversi sopralluoghi così come il Palazzo comunale.

È stato richiesto anche l’intervento dell’unità cinofila ma in realtà i cani non sono mai arrivati visto tutto si è concluso con un falso allarme intorno alle 23. Nel frattempo cittadini e consiglieri hanno ultimato la seduta al centro anziani a Villa Rita.

A far mobilitare le forze dell’ordine una chiamata anonima che annunciava La presenza di un ordigno pronto a scoppiare nella sala consigliare di Ceriano.

L’ ultimo allarme bomba era scattato due anni fa a Saronno quando una chiamata anonima aveva costretto ad evacuare sala vanelli per un allarme bomba che si era rivelato falso.

22122015