SARONNO – Al PalaRonchi mercoledì ci si gioca la qualificazione alla Coppa Italia: Saronno è imbattuta, ma per uno strano scherzo del calendario, perdendo con Bernareggio scalerebbe al secondo posto, mettendo quasi certamente da parte il sogno di qualificarsi alla Coppa Italia di C Gold in programma il 4-5-6 marzo a Rimini.

All’inizio la fa da padrone la tensione, ma i Reds partono decisamente meglio: 12-2 per cominciare e tutto il quintetto a segno nei primi cinque minuti di gioco. Saronno prova a svegliarsi e alza il volume in difesa ma chiude sotto il primo quarto di cinque. Stesso copione nel secondo parziale, Bernareggio sempre avanti con sussulto Imo nel finale. Addirittura Minoli avrebbe i liberi del meno tre per il fortunoso errore di Colnago che commette fallo a venti metri dal canestro sulla sirena con il playmaker avversario proteso alla ricerca di un tiro impossibile da lontanissimo. L’ex Castelletto però fa 1/3 e si chiudono i primi 20′ 31-36.

Nella ripresa si comincia da dove si era finito, ovvero dai liberi sbagliati con un sanguinoso quanto improbabile 0/3 di Cacciani dalla lunetta. La Lissoneinterni però non ne approfitta e anzi la squadra di PIazza con una sfuriata più difensiva che offensiva tocca addirittura il primo vantaggio della sua partita sul 43-42 a metà terzo quarto. A questo punto coach Galbiati rimette a posto le cose e i suoi ricominciano a macinare. Nei seguenti dieci minuti Bernareggio, grazie ad una serie di bombe di alta classe firmate dai giovani Villa (20 al termine e un paio d’assist da fantascienza), Pecchia e Colnago ritrova un vantaggio rassicurante, anche in doppia cifra, come testimonia il +11 di 5 minuti alla fine, ma Saronno, sino ad oggi imbattuta, non vuole mollare. Complice la precisione ai liberi di Gurioli (25 sul suo tabellino personale) ed un paio di palle perse di troppo per i Reds (che badano più a far scorrere il tempo rispetto ad attaccare con convinzione) la Imo si riporta a -2. Poi Villa, sempre lui, spara una tripla fuori ritmo da 8 metri e la segna. Sarebbe il colpo del probabile kappaò, ma il ragazzo si lascia sfuggire un’esultanza fuori luogo secondo gli arbitri e prende un tecnico sanguinoso. La Robur segna il libero e poco dopo anche la tripla del -1 a un minuto dal termine con Gurioli. Sul ribaltamento di lato, Bernareggio si ferma sul ferro e allora Leva ha la palla del vantaggio. Fallo sulla penetrazione, liberi, 0/2, a 30 secondi dal termine. Saronno rimane sotto. In attacco Bernareggio si affida alla tripla di Pecchia per chiuderla, ma il ’97 di Milano sbaglia, il rimbalzo però è degli ospiti, con Villa che naturalmente subisce fallo. 1/2 in lunetta, 72-70, 11 secondi da giocare. Il possesso è per Minoli che supera la metà scambia con Guffanti e Cacciani e a 2”7 dal termine deve sparare la tripla, a Saronno direbbe la bumba de tri. Vivere o morire. È dentro. La Robur vince ed è qualificata alle finali di Coppa Italia Lnp che si disputeranno a Rimini il 4-5-6 marzo.

Imo Robur Basket Saronno – Lissone Interni Bernareggio 74-73 (12-17, 19-19, 17-17, 26-20)
IMO SARONNO: Minoli 13, Leva 12, Guffanti 7, Petrosino 13, Cacciani 3, Aceti ne, Gurioli 24, Lanzani, Proserpio ne, Bellotti 2. Coach Piazza.
BERNAREGGIO: Pecchia 14, Aromando, Merlati 9, Villa 20, Pastori 2, Bossola 4, Restelli, Colnago 11, Angiolini 10, Saini 3, Vercesi, Toffali. Coach Galbiati.

(foto: le immagini del match)

07012016

1 commento

Comments are closed.